Il Sognatore di Laini Taylor

Scritto da AmanteDiLibri - 31 agosto
Buon fine settimana cari lettori!
Siete pronti a ricarcarvi nel weekend con un bel libro? Se non lo avete ancora letto il libro di cui vi parlo oggi fa assolutamente al caso vostro!

Titolo originale: Strange the Dreamer
Serie: Strange the Dreamer n°1
Genere: Fantasy
Target: Young Adult
Editore: Fazi
Data di pubblicazione: 5 giugno 2018
N°pagine: 508
Trama: In un mondo indefinito, devastato dai postumi di una guerra fra dèi e uomini, il piccolo Lazlo Strange, orfano, viene allevato da monaci arcigni che tentano con la forza di strappare il germe della fantasia dalla mente del bambino. Ma Lazlo è nato sognatore. Rimane impressionato dai racconti di un anziano monaco, che parlano di una misteriosa città, un luogo di cui si è persa la memoria ma nel quale è accaduto qualcosa di tragico, qualcosa di enorme. Conoscere questa città, chiamata Pianto, diventa il suo sogno, la sua ossessione. Anni dopo, ormai ventenne, Lazlo lavora come bibliotecario; passando tutto il suo tempo fra libri e documenti, appaga la sua sete di ricerca e di storie. Finché un giorno arriva nientemeno che una delegazione di guerrieri proveniente
proprio dalla mitica Pianto, guidata da un comandante soprannominato il Massacratore degli Dei, il quale spiega che sta girando per tutto il territorio alla ricerca di uomini e donne in possesso di capacità intellettuali e manuali che possano servire a ricostruire la città, devastata dalla guerra. Lazlo chiede di essere arruolato e ottiene il posto. Inizia così un viaggio avventuroso verso la meta cui ambisce fin dall’infanzia...
Ero abbastanza timorosa di mettermi a leggere questo libro: infondo Laini Taylor e la sua chimera di Praga sono tra i miei libri preferiti. Sono qualcosa che è fin troppo difficile descrivere, perché non ci sono parole per definire esattamente come mi sono sentita esattamente mentre li leggevo.
Quindi un po’ di paura ad affrontare questa nuova storia c’era. Volevo leggerla tantissimo ma allo stesso tempo avevo paura di non riprovare le stesse emozioni, non farmi coinvolgere da Lazlo come da Karou. Ovviamente niente di più sbagliato.
Lazlo Strange è un sognatore, sempre a immaginare la mitica città di Pianto, da orfano e bambino si un monastero e da più grande alla biblioteca di Zosma.
E questo suo sogno ad occhi aperti pare essere il suo destino quando Eril-Fane, il Massacratore degli Dei raggiunge la biblioteca per cercare studiosi ed esperti da portare a Pianto, la mitica città, scomparsa insieme alla sua leggenda da due secoli.
E quello che troverà li sarà qualcosa che supera la sua mente da sognatore.
Proprio nella mente di Lazlo, facendoci vivere in un sogno frase dopo frase, ci porta Laini Taylor perché i suoi libri sono questo, sogni vividi e mondi più che tangibili fatti di magia, angeli, mostri, amori e battaglie, più fulgidi di quanto la nostra immaginazione possa ideare.
Ora, orfana di questo libro vorrei tentare di leggerne il seguito in inglese pur sapendo di non esserne all’altezza ma è una di quelle occasioni in cui darei qualsiasi cosa per avere il seguito già tra le mani!
Il sognatore di Laini Taylor si è certamente conquistato il primo posto tra i libri del 2018 e tra i migliori che ho mai letto!

Inferno bianco di Arne Dahl

Scritto da AmanteDiLibri - 23 agosto
Buongiorno lettori,
siete tornati dalle vacanze con una TBR un po' smaltita? Io, ahimè, non sono riuscita a leggere quanto avrei voluto ma rimedierò (o verrò sopraffatta dalla mia pila digitale di libri!)
Ma torniamo a noi con una recensione!

Titolo originale: Inland
Serie: Berger & Blom n°2
Genere: Giallo
Target: Adult
Editore: Marsilio
Data di pubblicazione: 28 giugno 2018
N°pagine: 412
Trama: Quando l'ex sovrintendente della polizia criminale di Stoccolma Sam Berger riapre finalmente gli occhi, non ha la più pallida idea di dove sia finito. Intorno a lui è tutto bianco, un mondo senza segni. Dopo settimane di indagini, ufficiali e non, il caso Ellen Savinger si è risolto con la liberazione di sei delle sette ragazze rapite. Ma a quale prezzo? La quindicenne Aisha Pachachi manca ancora all'appello, Sam ha dovuto lasciare il suo incarico e qualcuno che gli era molto vicino ha pagato con la vita. In fuga da una giustizia che ha smesso di essere tale, ora che anche i servizi segreti lo stanno braccando, non gli resta che seguire le istruzioni di Deer, l'unica che tra i colleghi sembra avere ancora fiducia in lui. Deer ha ricevuto una lettera che contiene importanti informazioni su un vecchio caso mai chiarito, il primo a cui hanno lavorato insieme. Bisogna assolutamente trovare la donna che l'ha scritta. Nell'indagine che aspira a rimettere in ordine il passato, al fianco di Sam c'è di nuovo Molly Blom, fino a poco prima considerata la punta di diamante dei servizi, e ora ricercata come lui. Ma Sam può davvero fidarsi? In un inquietante viaggio alla scoperta delle profondità più buie della psiche umana, Sam e Molly attraversano i territori più remoti dell'interno del paese, verso un'oscurità disturbata in netto contrasto con la quiete assoluta e il candore niveo dei luoghi isolati dove la caccia a una verità sempre più sfuggente continua.
Come d’abitudine la trama è ben costruita e lo svolgimento non è propriamente lineare, così che ci si ritrova presi dalla voglia di risolvere l’enigma e si legge a perdifiato.
Sam si sveglia e si ritrova immerso in un paesaggio candido dell’estrema Lapponia, al suo fianco Molly, ex dei servizi segreti, che però spesso scompare sugli sci e che forse lo sta ingannando.
La sua vecchia amica Deer, unica che ancora crede in lui, nel suo fiuto e nella sua innocenza, li contatta con la richiesta di incontrare una persona che le ha scritto.
Dopo un primo momento in cui rifiutano, i due investigatori poi iniziano a muoversi, la trovano e le fanno visita.
Lei dichiara di temere per la propria vita, di non sentirsi sicura. Lì accompagna nel seminterrato e quella discesa spalancherà loro le porte dell’oscurità dell’animo umano.
I due dovranno da quel momento scappare e dovranno impegnarsi a sfuggire non solo dagli ex colleghi che li tengono sotto controllo ma anche dai criminali che li hanno astutamente presi di mira coinvolgendoli in prima persona. Anche perché tanti anni prima lui e Deer li hanno incontrati e sottovalutati.
Nuovamente Sam avrà paura di essere la causa del male occorso ai suoi amici e però, in un continuo alternarsi tra fiducia e inganno, tra verità dette e verità nascoste, in un giallo dal ritmo incalzante, che li vede correre lungo le strade desolate dell’estremo nord della penisola, lui e Molly, ricostruita la fiducia reciproca uniranno le loro menti investigative per collegare tutti gli indizi ed arrivare alla verità ed ai colpevoli.
La totale dicotomia tra bianco candido dei luoghi e oscurità del male che perseguono costituisce il leitmotiv del libro.