Fidanzati dell'Inverno di Christelle Dabos

Scritto da AmanteDiLibri - 18 maggio
Buongiorno lettori!
Da qualche settimana è uscito per E/O un romanzo che stava del tutto per sfuggirmi. Non rischiate di commettere lo stesso errore, non potete lasciarvelo sfuggire!

Titolo originale: La Passe-miroir
Serie: L'attraversaspecchi n°1
Genere: Fantascienza, Steampunk, Fantasy
Target: Young Adult
Editore: E/O
Data di pubblicazione: 18 aprile 2018
N°pagine: 504
Trama: In un universo composto da ventuno arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra, vive Ofelia. Originaria dell'arca "Anima", è una ragazza timida, goffa e un po' miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatrice di un museo finché le Decane della città decidono di darla in sposa al nobile Thorn, della potente famiglia dei Draghi. Questo significa trasferirsi su un'altra arca, "Polo", molto più fredda e inospitale di Anima, abitata da bestie giganti e famiglie sempre in lotta tra loro. Ma per quale scopo è stata scelta proprio lei? Tra oggetti capricciosi, illusioni ottiche, mondi galleggianti e lotte di potere, Ofelia scoprirà di essere la chiave fondamentale di un enigma da cui potrebbe dipendere il destino del suo mondo.
Fidanzati dell'inverno è il primo capitolo di una saga ricca e appassionante che sta conquistando migliaia di lettori giovani e adulti.
Da quando il mondo è andato in frantumi, sono le Arche ad accogliere i popoli. Ofelia vive su Anima, l'Arca degli Animisti, discendenti dell'immortale Artemide, dove l'intero popolo è in grado di dar vita ai materiali. C'è chi sa prendersi cura della carta, chi modella i tessuti senza ago e filo, chi ripara gli oggetti e chi, come la nostra protagonista, legge il passato di ogni cosa che tocca. Ofelia è una lettrice, una delle più dotate perché è in grado di risalire molto indietro nella storia di un oggetto, leggendone secoli di utilizzo. Gestisce un museo, è terribilmente imbranata e ciò che pensano gli altri del suo aspetto un po' bizzarro non le interessa. Ma la sua vita tranquilla, e monotona, cambia improvvisamente quando viene promessa sposa a un uomo di un altra Arca, Thorn, e dovrà lasciare Anima per Polo, un luogo immerso in un perenne inverno e la cosa più pericolosa sono i nobili, crudeli, doppiogiochisti e dotati di poterti che Ofelia non avrebbe mai immaginato.
Questo romanzo è stato decisamente una sorpresa: la trama mi ispirava molto ma non pensavo di leggerlo con un tale trasporto. Sono arrivata alla fine del romanzo volendo avere già tra le mani i seguiti.
Ambientato in questo mondo che alterna spazio, Belle Époque, steampunk e fantasy Fidanzati dell'Inverno è un autentico gioiellino che sono felice di aver scoperto per caso. Alcuni appunti sulla scrittura mi trovo a farli perché storcere il naso per certe frasi o certe scelte mi è capitato più di qualche volta, ma nonostante questo ho trovato la scrittura di Christelle Dabos molto scorrevole e capace di regalare scorci e impressioni davvero interessanti.
Non vedo davvero l'ora di leggere il nuovo capitolo di questa serie, L'attraversaspecchi, e sento già che Ofelia e Thorn mi mancheranno!

Il figlio dell'alba di Cassandra Clare e Sarah Rees Brennan

Scritto da AmanteDiLibri - 07 maggio
Buongiorno lettori,
da pochi giorni è online il primo racconto della nuova raccolta dedicata al mondo Shadowhunters scritta da Cassandra Clare e altri autori.
L'ho letta e mmm...

Titolo originale: Son of the Dawn
Serie: Fantasmi del Mercato delle Ombre n°1
Genere: Urban Fantasy
Target: Young Adult
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 24 Aprile 2018
N°pagine: 90
Trama: New York, 2000 — I Lightwood, gli Shadowhunter che gestiscono l'Istituto di New York, sono in attesa del nuovo membro della famiglia: Jace Wayland, figlio del parabatai di Robert Lightwood, rimasto orfano dopo la morte del padre. Alec e Isabelle non sono del tutto certi di volere un altro fratello, ma i loro genitori non si curano di rassicurarli, distratti come sono dalle pessime notizie che Fratello Zaccaria e Raphael Santiago, vice del clan newyorkese dei vampiri, hanno portato loro dal Mercato delle Ombre.
Shadowhunters è una di quelle serie in cui mi rifugio spesso e volentieri quindi sapete che non posso permettermi di perdermi neanche un'uscita. Dopo le trilogie e le altre due raccolte quella dedicata ai Mercati delle Ombre tra passato e presente del mondo Shadowhunters mi incuriosiva ma non ne ero del tutto convinta. Mi sono dunque approcciata a Il figlio dell'alba con qualche piccola riserva e ammetto che non si è dissipata alla fine della lettura.
Come già avvenuto per i racconti dell'Accademia sento fin troppo dove la mano di Cassandra Clare manca nella scrittura: ogni riga, ogni pagina mi risulta stonata rispetto a quello che mi aspetto di leggere.
In questa novella vediamo come Jace arriva dai Lightwood ma non solo, per la prima volta il nostro narratore è niente meno che Fratello Zaccaria, l'amato Jem, alle prese con il suo incubo, la droga con cui sopravviveva in Infernal Devices che sta per arrivare a New York.
Ho avuto molto difficoltà a seguire i pensieri, la storia stessa e sono poche pagine. Questo ha un po' influito sul mio giudizio, sospeso per ora in attesa dei nuovi racconti.

Warcross di Marie Lu

Scritto da AmanteDiLibri - 03 maggio
Buongiorno lettori,
eccomi che vi propongo il terzo libro di fantascienza di seguito (anche se questo libro non è così tanto fantascientifico: niente astronavi o spazio, solo futuro). Pronti per la nuova recensione?

Titolo originale: Warcross
Serie: Warcross n°1
Genere: Fantascienza
Target: Young Adult
Editore: Piemme
Data di pubblicazione: 3 Aprile 2018
N°pagine: 513
Trama: C'è ancora gente convinta che Warcross sia un gioco stupido. Certi, invece, lo considerano una rivoluzione. Per me, e per altri milioni di persone, è l'unico metodo infallibile per dimenticare i propri guai. Oggi ho perso una taglia ed entro un paio di giorni non avrò più un posto dove vivere... ma stasera posso unirmi agli altri, inforcare gli occhiali e godermi la magia.
Avevo puntato questo romanzo da parecchio tempo quindi sono stata immensamente felice quando è arrivato in Italia grazie a Piemme (tanto più tenendo la cover originale).
E come ci a ben abituato Marie Lu anche questo nuovo libro non delude.
La realtà virtuale, aumentata, ologrammi e mapping stanno prendendo piede sempre più nel nostro mondo e non è difficile immaginare che un giorno saranno elementi comuni nella nostra vista quotidiana. Nel mondo di Warcross questo è già avvenuto grazie all'invenzione di Hideo Tadaka, il giovanissimo inventore degli occhiali NeuroLink che permettono di gestire la realtà virtuale grazie al cervello e non attraverso pesanti modelli digitali che mai riusciranno a simulare veramente la realtà.
La nostra protagonista è Emika Chen, una giovane hacker senza più famiglia, con la fissa per l'inventore di Warcross, il gioco installato negli occhiali NeuroLink e che ormai coinvolge quasi totalmente la popolazione mondiale, cacciatrice di taglie e con un affitto da pagare se non vuole essere cacciata di casa. Quando l'ultima cattura non va come vorrebbe cede alla tentazione e prova a rubare un Potenziamento dalla partita inaugurale del Campionato di Warcross e, improvvisamente si ritrova giocatrice e non solo spettatrice.
Tutto cambia ed Emika si ritroverà in volo per Tokyo per incontrare proprio Hideo Tadaka.
Il mondo creato da Marie Lu è terribilmente realistico - ritengo che qualcosa di simile prima o poi arriverà e ammetto che mi piacerebbe vivere questa rivoluzione tecnologica. Si sono una nerd - e per quanto possa fare paura per alcuni risvolti è stato elettrizzante leggerne. Ammetto che un minimo di confusione su come funzionava il tutto ce l'ho avuto ma è abbastanza realistico da farsi trascinare dalla storia senza fatica. Le pagine si leggono una dietro l'altra, non si vorrebbe mai mettere giù il libro, anche quando il finale si avvicina e un po' si inizia a immaginare cosa sta per accadere.
Emika e Hideo mi sono piaciuti molto (anche se forse l'autrice ha concentrato troppo l'attenzione su di loro, lasciando molto sullo sfondo gli altri personaggi) e anche se leggerne un po' mi ha messo in difficoltà per come sta andando la mia vita in questo periodo mi sono affezionata alla loro storia e non vedo l'ora di rileggerne nel secondo volume, anche se ci sarà un po' da aspettare.
Per ora Warcross si conquista quattro stelline e una fan.