L'assassino. L'ultima caccia di Robin Hobb

Scritto da AmanteDiLibri - 11 dicembre
Buongiorno lettori,
finalmente eccoci qui con la recensione dell'ultimo volume della serie dedicata al Fitz e al Matto e l'annuncio del vincitore dello speciale dedicato!

Titolo originale: Assassin’s Fate
Serie: The Fitz and The Fool Trilogy n°3
Genere: Fantasy
Target: Adult
Editore: Sperling&Kupfer
Data di pubblicazione: 31 ottobre 2017
N°pagine: 885
Trama: FitzChevalier aveva giurato a se stesso che mai più avrebbe prestato il braccio agli intrighi di corte, mai più avrebbe vestito i panni dell'assassino. Ma tutto è cambiato quando la sua bambina, la figlia più amata, Ape, è stata rapita dai Servi, che mirano a manipolare il futuro per accumulare ricchezze e potere. Credendola ormai morta, Fitz parte con l'amico più fidato, il Matto, per avere vendetta. Attraverseranno mezzo mondo, fino alle terre che lo stesso Matto si era ripromesso di non vedere mai più: l'inferno da cui era riuscito a fuggire. Ne porta ancora le ferite sul corpo, ma la sua forza non ne è stata scalfita. E Fitz non avrà più il vigore della gioventù, ma la sua destrezza con le lame, i veleni e la magia è ineguagliabile e letale. La loro missione è chiara: nessuna pietà, affinché nessun avversario possa rivedere l'alba. Sarà un viaggio di vendetta, ma anche di profonda trasformazione e rivelazioni mozzafiato. Nulla sarà più come prima, al termine di questa nuova avventura: l'atto finale della trilogia de "L'assassino".
"A Fitz e al Matto, i miei migliori amici da oltre vent’anni" Questa è la dedica che si trova all'inizio de L'ultima caccia. I romanzi che li vedono protagonisti sono stati per molti versi dei compagni d'avventure uniche per ogni lettore che ha avuto occasione di conoscerli e, sebbene non così a lungo, hanno significato molto anche per me.
In un certo senso avevo il terrore di leggere questo romanzo perché ero certa segnasse una fine che non sarebbe stata possibile capovolgere. E in un certo senso è stato così. Non vi negherò che più di qualche volta mi sono trovata a dovermi asciugare le lacrime, sia di tristezza che di gioia.
Nel romanzo precedente avevamo lasciato Ape rapita dai Servi, Fitz e il Matto che tentano di inseguirli e una fuga attraverso un Pilastro d'Arte che fa perdere ogni speranza sulla sopravvivenza della piccola Ape.
Determinato a portare a termine la sua vendetta, Fitz tentarà di affrontare il viaggio che lo porterà da Kensinigra a Clerres da solo ma nessuno dei suoi compagni - Matto, Fiamma, Lante e Per - intende essere lasciato indietro. Inizierà così un lungo viaggio tra velieri viventi, draghi e vecchi amici per la compagnia di Fitz mentre il viaggio di Ape, sopravvissuta al passaggio nel Pilastro, sarà costellato di tentativi di fuga, privazioni e percosse da parte di Dwalia.
Gran parte del romanzo, che conta 885 pagine, sarà dedicato ai rispettivi viaggi. Solo verso la fine inizia la vera azione, il salvataggio di Ape e la distruzione di Clerres e non tutto andrà come previsto e sperato.
Ma ogni pagina di questo romanzo ci trascina dentro la storia e giunti all'ultima pagina diventa davvero doloroso dire addio a questo mondo e a quei personaggi.
Se ancora non conoscete questa autrice non posso che rinnovare il mio consiglio di leggerla e farvi conquistare dalla sua storia e, per chi invece attendeva con ansia questo romanzo posso assicurarvi che non vi deluderà.


E ora il momento che aspettavate! Il nome del vincitore della copia cartacea de L'ultima caccia!

Marco Smeraldi!

Congratulazioni! Scrivimi via mail l'indirizzo a cui vuoi venga spedito il libro ;)