Facemmo l'amore una notte di Maggio - BlogTour tappa #2

Bevenuti lettori!
Oggi ospiterò una tappa del blogtour dedicata al romanzo "Facemmo l'amore una notte di Maggio" di Domenico Andrea Schiuma.

Credits
Come sempre ecco la scheda del libro e subito dopo il dietro le quinte! L'autore ci racconterà la sua visione del romanzo e della figura dello scrittore!

Editore: Lettere Animate Editore
Data di pubblicazione: 20 Marzo 2015
N°pagine: 147
Formato: Ebook
Costo: 0,99€
Trama: Nicola Mastrogiovanni vive un'infanzia difficile. La piccola casa in cui abita si trova in un condominio in cui la convivenza con i vicini è piuttosto difficile. La madre, Rosalba, è una donna dal carattere piuttosto docile e remissivo. Simone, il padre, è un operaio dal temperamento estremamente duro e maltratta la moglie. A causa del clima che si respira in casa, Nicola Mastrogiovanni non riesce a creare rapporti di amicizia con gli altri bambini che conosce. Quando frequenta la seconda elementare, il padre, frustrato dalla perdita del lavoro, dalla casa-bettola in cui vive e dall'amore ormai svanito per la moglie, scappa. La madre vive un periodo durissimo e Nicola sente il dovere morale di aiutarla. Rosalba apre una tabaccheria. Nicola, studente non molto brillante, quando può va ad aiutarla. Al termine degli studi superiori, Nicola inizia a lavorare a tempo pieno nella tabaccheria. Nel frattempo, ha sviluppato con la madre un rapporto di complicità malato, quasi maniacale, che gli impedisce di aprirsi alle altre persone. Eppure, a Nicola piace ascoltare quello che le altre persone si dicono. Questo è il suo vizio. Origlia le conversazione degli altri, in tabaccheria, fuori dal negozio, anche quando sta semplicemente passeggiando con la madre. Ben presto, Rosalba si ammala e muore. Nicola è ormai adulto, ma per lui il dolore per questa perdita è fortissimo. A un mese e mezzo dal decesso, non riuscendo a distrarsi dalla sofferenza per la madre, prende una decisione radicale: chiude la tabaccheria per un mese e parte. Destinazione: l'ultima fermata del primo treno. Nicola arriva così a Bari. Il primo giorno, sfogliando un giornale locale, legge un articolo riguardante un uomo scomparso da un paesino della provincia. Nicola esplorerà la città, scoprendone gli angoli più belli e interessanti. Ma non perderà il vizio di origliare le conversazione delle altre persone.

Ed ora la parola all'autore!

Ma un romanzo deve avere a tutti costi una morale, o una lezione da impartire al lettore? Questa è una domanda che mi sono spesso posto. Senza dubbio, esistono generi letterari che, senza una morale non avrebbero senso. Le favole e le fiabe, ad esempio. Ma anche gli editoriali giornalistici senza l'opinione dello scrittore, e senza quindi l'imposizione di un punto di vista e di una morale, non avrebbero molto senso.
Credo, tuttavia, che un romanzo non dovrebbe imporre nulla di tutto questo. Mettersi a scrivere con l'idea di dovere a tutti i costi comunicare qualcosa ai lettori, costituisce, a mio parere, una limitazione all'estro stesso dello scrittore. C'è poi un concetto ancora più importante che, secondo me, rende inutile lo sforzo dell'autore di comunicare per forza qualcosa. Ossia: chi ci dà la garanzia che il messaggio che vogliamo realmente lanciare sia colto dal pubblico? Ogni lettore, infatti, filtra ciò che legge tramite le proprie esperienze, le proprie opinioni, il proprio passato. La morale, se proprio ce ne deve essere una, è dentro di lui, non nel testo.
E quindi? Qual è il ruolo degli scrittori nel mondo? Nessuno, se non quello di far leggere a estranei il frutto del proprio lavoro, e sperare che esso risulti gradito a quanta più gente possibile. Da questo punto di vista, forse, aveva ragione Oscar Wilde, autore che adoro. L'arte è tutta completamente inutile. E non esistono romanzi morali e romanzi immorali: esistono solo romanzi scritti bene e romanzi scritti male. Nulla di più.


Cosa ne pensate? Se siete scrittori anche voi condividete questi pensieri oppure no? E da lettori? Quali ritenete sia il ruolo che autori e libri devono avere?
Mi raccomando, seguite il blog tour e acquista il romanzo se è il genere che amate! La scrittura italiana va sempre sostenuta!

CALENDARIO BLOGTOUR
Prima Parte
24/04: Segnalazione - Peccati di Penna
01/05: Estratto - L'angolo delle Topiiii
08/05: Autobiografia o non autobiografia? - La Lepre Marzolina
22/05: Dietro le quinte e giveaway - Libri di cristallo

Seconda parte29/05: Un lettore è un gran sognatore
5/06: Divoratori di libri
12/06: Liber Arcanus
19/06: Leggendo Viaggiando
26/06: La Quintessenza dei libri
3/07: Leggere in silenzio
10/07: The Paradise of Books
17/07: Anima d'Inchiostro
21/07: Un buon libro non finisce mai
28/07: The Book Thief

0 commenti :

Nuovo codice commenti

Se non volete lasciare un commento ma il post vi è stato utile… schiacciate G+ e condividete il post <3


Powered by Blogger.

© Liber Arcanus ,
AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena
Modificato da AmanteDiLibri