Il figlio dell'alba di Cassandra Clare e Sarah Rees Brennan

Scritto da AmanteDiLibri - 07 maggio
Buongiorno lettori,
da pochi giorni è online il primo racconto della nuova raccolta dedicata al mondo Shadowhunters scritta da Cassandra Clare e altri autori.
L'ho letta e mmm...

Titolo originale: Son of the Dawn
Serie: Fantasmi del Mercato delle Ombre n°1
Genere: Urban Fantasy
Target: Young Adult
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 24 Aprile 2018
N°pagine: 90
Trama: New York, 2000 — I Lightwood, gli Shadowhunter che gestiscono l'Istituto di New York, sono in attesa del nuovo membro della famiglia: Jace Wayland, figlio del parabatai di Robert Lightwood, rimasto orfano dopo la morte del padre. Alec e Isabelle non sono del tutto certi di volere un altro fratello, ma i loro genitori non si curano di rassicurarli, distratti come sono dalle pessime notizie che Fratello Zaccaria e Raphael Santiago, vice del clan newyorkese dei vampiri, hanno portato loro dal Mercato delle Ombre.
Shadowhunters è una di quelle serie in cui mi rifugio spesso e volentieri quindi sapete che non posso permettermi di perdermi neanche un'uscita. Dopo le trilogie e le altre due raccolte quella dedicata ai Mercati delle Ombre tra passato e presente del mondo Shadowhunters mi incuriosiva ma non ne ero del tutto convinta. Mi sono dunque approcciata a Il figlio dell'alba con qualche piccola riserva e ammetto che non si è dissipata alla fine della lettura.
Come già avvenuto per i racconti dell'Accademia sento fin troppo dove la mano di Cassandra Clare manca nella scrittura: ogni riga, ogni pagina mi risulta stonata rispetto a quello che mi aspetto di leggere.
In questa novella vediamo come Jace arriva dai Lightwood ma non solo, per la prima volta il nostro narratore è niente meno che Fratello Zaccaria, l'amato Jem, alle prese con il suo incubo, la droga con cui sopravviveva in Infernal Devices che sta per arrivare a New York.
Ho avuto molto difficoltà a seguire i pensieri, la storia stessa e sono poche pagine. Questo ha un po' influito sul mio giudizio, sospeso per ora in attesa dei nuovi racconti.

Warcross di Marie Lu

Scritto da AmanteDiLibri - 03 maggio
Buongiorno lettori,
eccomi che vi propongo il terzo libro di fantascienza di seguito (anche se questo libro non è così tanto fantascientifico: niente astronavi o spazio, solo futuro). Pronti per la nuova recensione?

Titolo originale: Warcross
Serie: Warcross n°1
Genere: Fantascienza
Target: Young Adult
Editore: Piemme
Data di pubblicazione: 3 Aprile 2018
N°pagine: 513
Trama: C'è ancora gente convinta che Warcross sia un gioco stupido. Certi, invece, lo considerano una rivoluzione. Per me, e per altri milioni di persone, è l'unico metodo infallibile per dimenticare i propri guai. Oggi ho perso una taglia ed entro un paio di giorni non avrò più un posto dove vivere... ma stasera posso unirmi agli altri, inforcare gli occhiali e godermi la magia.
Avevo puntato questo romanzo da parecchio tempo quindi sono stata immensamente felice quando è arrivato in Italia grazie a Piemme (tanto più tenendo la cover originale).
E come ci a ben abituato Marie Lu anche questo nuovo libro non delude.
La realtà virtuale, aumentata, ologrammi e mapping stanno prendendo piede sempre più nel nostro mondo e non è difficile immaginare che un giorno saranno elementi comuni nella nostra vista quotidiana. Nel mondo di Warcross questo è già avvenuto grazie all'invenzione di Hideo Tadaka, il giovanissimo inventore degli occhiali NeuroLink che permettono di gestire la realtà virtuale grazie al cervello e non attraverso pesanti modelli digitali che mai riusciranno a simulare veramente la realtà.
La nostra protagonista è Emika Chen, una giovane hacker senza più famiglia, con la fissa per l'inventore di Warcross, il gioco installato negli occhiali NeuroLink e che ormai coinvolge quasi totalmente la popolazione mondiale, cacciatrice di taglie e con un affitto da pagare se non vuole essere cacciata di casa. Quando l'ultima cattura non va come vorrebbe cede alla tentazione e prova a rubare un Potenziamento dalla partita inaugurale del Campionato di Warcross e, improvvisamente si ritrova giocatrice e non solo spettatrice.
Tutto cambia ed Emika si ritroverà in volo per Tokyo per incontrare proprio Hideo Tadaka.
Il mondo creato da Marie Lu è terribilmente realistico - ritengo che qualcosa di simile prima o poi arriverà e ammetto che mi piacerebbe vivere questa rivoluzione tecnologica. Si sono una nerd - e per quanto possa fare paura per alcuni risvolti è stato elettrizzante leggerne. Ammetto che un minimo di confusione su come funzionava il tutto ce l'ho avuto ma è abbastanza realistico da farsi trascinare dalla storia senza fatica. Le pagine si leggono una dietro l'altra, non si vorrebbe mai mettere giù il libro, anche quando il finale si avvicina e un po' si inizia a immaginare cosa sta per accadere.
Emika e Hideo mi sono piaciuti molto (anche se forse l'autrice ha concentrato troppo l'attenzione su di loro, lasciando molto sullo sfondo gli altri personaggi) e anche se leggerne un po' mi ha messo in difficoltà per come sta andando la mia vita in questo periodo mi sono affezionata alla loro storia e non vedo l'ora di rileggerne nel secondo volume, anche se ci sarà un po' da aspettare.
Per ora Warcross si conquista quattro stelline e una fan.

Morning Star di Pierce Brown

Scritto da AmanteDiLibri - 30 aprile
Buongiorno lettori,
nuovo giorno nuova recensione di fantascienza. Pronti?

Titolo originale: Morning Star
Serie: Red Rising n°3
Genere: Fantascienza
Target: Adult
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 13 marzo 2018
N°pagine: 547
Trama: L'oscurità ha vinto. Prigioniero, torturato, ridotto a un fantasma divorato dalla follia, Darrow il Mietitore - l'intrepido Rosso che è riuscito a infiltrarsi tra i tirannici Oro per rovesciare il loro dominio sui vari colorì che abitano l'universo - è stato scoperto dalla Sovrana. Il crudele Sciacallo può ora braccare e schiacciare i ribelli, senza freni e senza pietà. Tutto sembra perduto. Eppure, chi come il Mietitore è cresciuto all'inferno può ancora trovare la forza di risorgere dalle tenebre e scoprire che la piccola fiaccola della rivolta è adesso diventata un incendio e molti altri sono pronti a sognare e combattere con lui. Dalle prigioni di Marte alle lande ghiacciate delle Valchirie, dai bassifondi orbitali di Phobos alle sabbie sulfuree di Io, fino al palazzo stesso della Sovrana - in cui il tradimento e la speranza si nascondono dove nessuno si aspetterebbe - seguiamo il Mietitore e i suoi amici in un'odissea imprevedibile, tra dittatori che si credono dèi e uomini comuni che sanno diventare eroi. Nel terzo capitolo della serie "Red Rising" Pierce Brown trascina il lettore in un viaggio impetuoso tra battaglie spaziali epiche, duelli all'ultimo sangue, risate e lacrime, amicizia e violenza, dove una canzone può cambiare il destino di mondi interi, l'amore di un singolo diventare il coraggio di molti.
Siamo giunti alla fine della storia di Darrow di Lykos, il SubInfero conosciuto in Red Rising, diventato uno Sfregiato Senza Pari ed eroe degli Oro. Ma in Golden Son il segreto di Darrow era stato scoperto: non un Oro ma un Rosso, la casta più bassa della Società.
Durante il suo Trionfo Darrow viene tradito e catturato dallo Sciacallo e quest'ultimo romanzo inizia nove mesi dopo, nove mesi di prigionia e tortura. Chiunque lo ha creduto morto, anche per il video trasmesso dallo Sciacallo in cui lo giustiziava, come Oro.
Chiunque eccetto Sevro, il nuovo Ares.
Una volta libero Darrow si troverà davanti un impero sconvolto dagli attentati e una Rivoluzione praticamente schiacciata senza il suo Mietitore.
Questo romanzo è pieno di scontri, piani e battaglie che ammetto era proprio quello di cui avevo bisogno per non pensare. Se Red Rising e Golden Son erano libri duri, questo ancora di più: si stanno tirando le fila della rivoluzione ed entrambi gli schieramenti sono pronti a sacrificare innocenti e non per conquistare la vittoria. Oro o Rosso? E cosa accadrà se vincono i Rossi? Qualcuno che governa dovrà sempre esserci.
Finita questa trilogia il mio giudizio è molto positivo su ogni libro scritto da Pierce Brown, per l'idea di mixare Hunger Games con Impero romano e fantascienza e non sapere se verrà tradotta la seconda serie di questo autore un po' mi spiace. Spero in sorprese al riguardo il prossimo inverno.
Di certo Red Rising non è una trilogia adatta a chi cerca storie tranquille, senza drammi e problemi (il finale è stato difficilissimo da leggere) ma vale la pena leggere ogni singola pagina. Se non lo avete ancora fatto leggete - preparati - questa serie: Pierce Brown non può mancare sui vostri scaffali.

Gemina di Amie Kaufman e Jay Kristoff

Scritto da AmanteDiLibri - 05 aprile
Buongiorno lettori,
eccoci con una recensione di un libro che aspettavo da novembre di avere tra le mani e che sono riuscita ad acquistare solo negli scorsi giorni... finalmente!

Titolo originale: Gemina
Serie: The Illuminae Files n°2
Genere: Fantascienza
Target: Young Adult
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 24 Ottobre 2017
N°pagine: 672
Trama: Sempre narrato nella forma di un ricco dossier di email, schemi, trascrizioni, sms e file riservati, «Gemina» inizia dove il precedente romanzo si interrompe. Ma a Kady ed Ezra, gli eroi del primo volume della saga, subentrano due nuovi protagonisti, Hanna e Nik. Hanna è la coccolata figlia del capitano della stazione spaziale Heimdall, Nik il rampollo poco entusiasta di una famigerata famiglia di criminali. Alle prese con la vita di bordo nella stazione spaziale più noiosa della galassia, i due non possono immaginare che Kady Grant e la Hypatia sono in viaggio verso la Heimdall con la notizia dell'invasione di Kerenza. Quando una squadra d'assalto della BeiTech invade la loro stazione, i due ragazzi dovranno collaborare per difendere la loro casa. Hanna e Nik capiranno presto che non lottano soltanto per la propria sopravvivenza: hanno nelle mani il destino di tutti i passeggeri della Hypatia, e forse dell'universo intero.
Ero elettrizzata e super ansiosa di leggere il secondo volume di questa particolarissima serie di fantascienza. Dopo un anno di dubbi se il secondo volume sarebbe arrivato o no sui nostri scaffali finalmente Gemina è approdato in Italia ma solo dopo mesi sono riuscita a stringerlo tra le mani. E una volta avuto mi sono cimentata nella lettura (suscitando commenti piuttosto ilari in battello per il libro storto e torsioni varie per capire cosa ci fosse effettivamente scritto in qualche pagina)
Ma la cosa che mi ha scosso di più è stato accorgermi che non eravamo più sulla Hypatia, dove avevamo lasciato Kady e Ezra ma sulla stazione di salto Heimdall dove dovrebbero arrivare. (Si lo so, ogni tanto dovrei leggere le trame dei volumi successi al primo ma ho sempre il terrore di spoiler! Voi non leggete mai un libro sulla fiducia e pochissime info?)
Protagonisti di questa storia sono Hanna, Nik, Jackson e Ella e fin da subito è chiaro che qualcosa di molto brutto sta per accadere: la Biotech non ha nessuna intenzione di permettere alla Alexander di saltare verso il Centro e svelare ciò che è accaduto nel sistema di Kerenza.
La crudezza e il dolore di questo secondo volume mi è sembrata molto maggiore rispetto ad Illuminae e più di qualche volta è stata veramente dura andare avanti con la storia. Ma sotto sotto la voglia di far trionfare la giustizia e fare andare qualcosa per il verso giusto c'è quindi un "buon" finale c'è.
Su Hanna e Nik non posso che dire che sono dei fantastici protagonisti, diversi come non mai sia da Kady e Ezra ma anche tra loro e creano una fantastica accoppiata: più di qualche volta mi hanno strappato una risata di cuore.
Di complicazioni, casini, e problemi ce ne sono a bizzeffe in Gemina e non resta che aspettare l'uscita di Obsidio per sapere come si concluderà la guerra iniziata a Kerenza.
E ancora una volta va riconosciuta la bellezza, la complessità e la cura di questo volume: Illuminae e Gemina sono due autentici gioielli che non possono mancare sugli scaffali di chi ama la fantascienza.

Paper Heir di Erin Watt

Scritto da AmanteDiLibri - 15 marzo
Buon giovedì lettori!
Dopo l'ultima recensione non potevo non parlavi del secondo Royal uscito in questo 2018!

Titolo originale: Fallen Heir
Serie: The Royals n°4
Genere: Romance, Contemporaneo
Target: New Adult
Editore: Sperling&Kupfer
Data di pubblicazione: 30 Gennaio 2018
N°pagine: 360
Trama: Easton Royal ha tutto. È bello, divertente; possiede soldi, macchine, ragazze e un cognome che gli permette di ottenere sempre ciò che vuole. Eppure il passato gli ha lasciato parecchie cicatrici, e il suo presente è più incasinato di sempre. Gli eccessi sembrano non bastargli mai: ogni pretesto è buono per fare a botte e concedersi un bicchiere di troppo, senza pensare alle conseguenze. Tutto lo annoia ed è costantemente alla ricerca di una nuova sfida da affrontare. Forse è per questo che è così attratto dalla sua nuova compagna di scuola, Hartley Wright. Con i suoi occhi grandi e il naso all'insù, Hartley piomba nella vita di Easton in un giorno come tanti. È molto diversa dalle altre studentesse marionette della Astor Park e, soprattutto, non sembra interessata a lui. Per la prima volta, il nome dei Royal non è abbastanza. Ma Hartley è solo l'ennesima sfida, una distrazione gradita nella noia quotidiana, o davvero il più difficile da domare tra i fratelli Royal prova qualcosa per lei?
Nuovo libro, nuovo Royal. Dopo Reed e Gideon tocca al fratello di mezzo, easton, il compito di raccontarci la sua storia.
Attratto da ogni ragazzo su cui posa gli occhi, easton deve fare i conti con mille e più dipendenze: l’alcol, il sesso e i combattimenti dopo l’overdose della madre forse causata dalle sue pillole.
E per queste dipendenze Callum Royal, padre di questa banda di ragazzi problematici, gli ha proibito l’unica cosa che veramente ama, il volo. Quindi a inizio di un nuovo - e ultimo - anno scolastico Easton si ritrova parecchio annoiato e non serve neanche dire che il suo primo errore porterà a un finale terrificante. Le autrici che si celano dietro lo pseudonimo di Erin Watt hanno dato il meglio per la conclusione di Paper Heir... e io che non credevo potesse andare peggio di Paper Prince!
Ma veniamo a noi. Easton per ora non mi sta conquistando troppo come personaggio, o per lo meno, meno dei due fratelli maggiori. C’è qualcosa di troppo famigliare e doloroso in lui che non mi permette di prenderlo in simpatia come vorrei.
Altro discorso è Hartley, la protagonista di questo romanzo che per quanto non mi risulti così credibile (anche se battere ella che si spaccia per la madre per fare la spogliarellista è impegnativo) non si può che prendere in simpatia e tifare per lei. È una ragazza tosta e tenace, e un autocontrollo invidiabile.
Oltre ai problemi causati da Easton che si percuoteranno sulle vite di tutti i ragazzi non mancano i problemi con Steve, il padre naturale di Ella e accusato dell’omicidio di Brook. Di certo i Royal - chi sta con loro - è una calamita per i guai.
Non so esprimere il mio desidero di mettere le mani su Cracked Kingdom per sapere come si risolveranno i casini in cui abbiamo lasciato i nostri protagonisti. E sperando che tutto si risolva.
L’Unico appunto che voglio fare riguarda una mia speranza: in qualche scena in più che coinvolgesse Gideon e Savannah che invece sono parsi come semplici figure di sfondo piuttosto gelide.

Paper Crown di Erin Watt

Scritto da AmanteDiLibri - 12 marzo
Buongiorno lettori!
Eccoci con una nuova recensione... quanti mi piace per i Royal?

Titolo originale: Tarnished Crown
Serie: The Royals n°3.5
Genere: Romance, Contemporaneo
Target: New Adult
Editore: Sperling&Kupfer
Data di pubblicazione: 16 Gennaio 2017
N°pagine: 159
Trama: Gideon è sempre stato il più razionale e posato tra i Royal. Legatissimo alla madre e alla famiglia, anche lui, però, come tutti i Royal, ha un lato oscuro e un segreto che protegge da molto tempo, e che lo ha allontanato dal suo più grande amore, Savannah.
Quando lei era alla Astor Park e lui al college, era più facile fingere che le cose, un giorno, avrebbero potuto sistemarsi, ma ora che si ritrovano a condividere lo stesso campus non è così. Perché, nonostante provino con tutte le loro forze a negare il loro passato o il loro legame, l'attrazione rimane. Così come tutte le bugie dette, e le ferite ancora aperte. Gideon riuscirà a convincere Savannah a dargli una seconda occasione?
Cosa fai quando il libro che stai leggendo sembra raccontare con troppo per filo e per segno la tua “storia”? Con le stesse frasi, gli stessi sentimenti e gli stessi errori? L’unica cosa da fare è non farsi influenzare - e illudere - troppo.
Se la scorsa estate è toccato a Reed Royal farci conoscere le autrici che si celano dietro erin watt con risultati che vanno dall’amore all’odio per la famiglia dei Royal ora tocca al maggiore dei cinque fratelli, Gideon, conquistare i cuori di qualche pulzella.
Ovviamente di questo fratello già sapevamo qualcosa pur essendo meno presente rispetto a Easton e ai gemelli: studia all’università e con la ragazza di cui è innamorato ha fatto un enorme casino tanto lei, Savannah, lo detesta con tutto il cuore.
E, a dirla tutta non si può neanche negare che abbia ragione.
In Paper crown, una novella che si legge tutto d’un fiato, saltiamo dentro e fuori la storia di Gideon e Savannah, tra passato e presente, tra errori e silenzi del passato ai tentativi di rimediare a distanza di tre anni.
Come avete capito questa storia mi è sembrata fin troppo personale per essere totalmente imparziale nel mio giudizio: leggere certi passaggi ha fatto quasi altrettanto male che viverli ma soprattuto i salti temporali alternati al cambio di punto di vista più di qualche volta mi ha lasciato disorientata non capendo se mi era sfuggito qualche passaggio nella storia o se effettivamente mancava qualcosa.
A conti fatti ritengo che la volontà di scrivere una novella e non un romanzo abbia portato ad accelerare troppo l’intera storia tagliando quelle due o tre parti di collegamento tra un capitolo e l’altro che non avrebbero guastato ne allungato troppo la storia.
Il finale su tutti i capitoli, mi ha dato l’impressione di essere troppo rapido e avventato per quanto romantico e davvero “tirarla per le lunghe” - per così dire - ancora un po’ non mi sarebbe dispiaciuto.
Ora tocca a Easton portare avanti la storia dei Royal e spero che qualche pagina in più, rispetto ai primi tre libri, su Gid e Savannah ci sia perché più degli altri mi sono entrati nel cuore