Il profumo dell'oro di Lorena Bianchi

Buongiorno lettori,
Per diversi motivi il mese di febbraio è stato uno dei più difficili da quando il papà se n'è andato eppure, in quei giorni ho trovato ben tre romanzi che si sono guadagnati ben cinque stelline.
Uno è Lieve come il respiro come avete già visto e lo stesso vale per La moglie del califfo di cui vi proporrò presto la recensione (finalmente), ma il terzo romanzo a conquistare il mio cuore è stato quello di un'italianissima autrice: Lorena Bianchi con il suo Il profumo dell'oro.

Genere: Storico, Romantico
Target: Adult
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 28 gennaio 2016
N°pagine: 247
Trama: Fiamma ha diciott’anni, è impulsiva, determinata e negli occhi nasconde una forza che ancora non conosce. Insieme a Menico, apprendista di casa Giraldini, è cresciuta imparando l’arte di suo padre, messer Vincenzo, uno degli orafi più famosi di Roma. Ma un giorno i committenti dei Giraldini cominciano a preferire gli ori raffinati di Benvenuto Cellini. Fiamma, decisa a scoprire i segreti di quell’artigiano, corre alla bottega di Cellini. Lì conosce se stessa, il proprio corpo e una passione travolgente: nell’attimo in cui incontra gli occhi smeraldo dell’orafo Lorenzo de Luna capisce che non potrà più tornare indietro. Lorenzo le insegna un nuovo modo di forgiare i gioielli, incastonando nel metallo non solo le pietre preziose, ma anche i sentimenti e i desideri più nascosti.
L’intensità dei loro incontri, però, ben presto si interrompe. Fiamma ricomincia la sua vita dall’inizio e torna a lavorare l’oro, questa volta da sola; e ogni giorno, mentre perfeziona la sua arte, ricorda i tempi in cui Lorenzo la rendeva felice. È convinta dell’eternità dell’oro, ma anche di quella dell’amore…
Il cuore di una fucina di un orafo è la fiamma che permette all'artista di creare e ricreare, trasformando l'oro in oro. E proprio Fiamma si chiama la nostra protagonista, figlia unica del maestro orafo Giraldini di Roma, giovane, giovanissima donna, capace di sentire anche lei il richiamo del fascino della forgia e forse ancora più brava del padre. Ma per una donna nella Roma di papa Clemente VII non è possibile dar libero sfogo alla propria arte, ancor più quando, i lavori raffinati e più adatti ai tabernacoli delle chiese che alle feste nelle ville della capitale di casa Giraldini vengono rimandati indietro.
Lorena Bianchi mi ha assolutamente conquistata con la sua abilità stilistica e la storia, tratteggiata sullo sfondo del sacco di Roma, di un amore unico, profondo e capace di distruggere il cuore di chi legge.
Se Fiamma è figlia di uno dei grandi orafi della città, Lorenzo non è altro che un converso, un ebreo convertito, al servizio della bottega del nuovo orafo Benvenuto Cellini, ma in cui scorre l'oro nelle vene tanto quanto alla ragazza e per loro, dal primo incontro, sarà impossibile liberarsi dell'incantesimo che li lega e li travolge. Il loro è un amore che lascia senza fiato, prezioso e profondo  come pochi ne esistono e se ne leggono.
Tuttavia le razzie, le morti e le violenze dei giorni del Sacco cambieranno la vita della giovane orafa, il titolo che Lorenzo le aveva attribuito fin dalla prima volta in cui si erano incontrati e di cui si avvolge per imparare a rinascere, simile all'oro tra le fiamme della forgia, lontano dalla sua città ormai distrutta e dove ha perso ogni cosa.
Ho ammirato immensamente questa protagonista - forte, dolce, determinata, vivace, temprata dal profumo dell'oro, dall'amore e dalle difficoltà - ma come dicevo prima, soprattutto la bravura dell'autrice. Lorena Bianchi mi ha conquistato dalla prima pagina grazie alle ricercatezza delle parole e dello stile che quasi ricorda lo splendore delle gemme sparse sul tavolo di Fiamma mentre crea i suoi gioielli. Se questo è solamente l'esordio dell'autrice, non posso che dichiararmi già sua ammiratrice e aspettare con ansia il suo prossimo lavoro.
È impossibile non amare questo romanzo ricco di passione e storia, che vi farà si piangere il cuore ma conquistandolo pagina dopo pagina... fidatevi sarà impossibile staccarsene.
Il profumo dell'oro è il vero gioiello della narrativa italiana e straniera degli ultimi anni.

2 commenti :

Nuovo codice commenti
  1. Ho questo libro da quando è uscito, ma ho sempre rimandato la lettura... Bellissima recensione, mi ha fatto venir voglia di iniziarlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo libro mi ha letteralmente stregato! :3

      Elimina

Se non volete lasciare un commento ma il post vi è stato utile… schiacciate G+ e condividete il post <3


Powered by Blogger.

© Liber Arcanus ,
AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena
Modificato da AmanteDiLibri