Indovina l'incipit! (13)

Un'altra settimana è passata e io sono riuscita a non trovare il tempo per completare gli articoli che avevo in mente! L'univerita annienta la vita sociale e il tempo della lettura... Ma prometto che mi riprendo e vi riempio di post. In questi giorni escono un sacco di bei libri (alcuni autori: Clare, Carey, Paolini...) e voglio dirvi cosa ne penso.

Ma non potevo saltare quest'appuntamento! Sinceramente vi piace il giochino degli inizi?
Spero di si perché ho più di 500 libri da sottoporvi!

L’opera di maggior fortuna, quella più citata tra gli scritti del poeta Rewin, il personaggio più illustre mai uscito dal popolino della Città Nuova, s’intitolava Il canto della città. Registrava tutto quello che si poteva udire a Imardin durante la notte, se solo ci si prendeva la briga di fermarsi ad ascoltare: un guazzabuglio infinito di suoni distanti e ovattati. Voci. Canti. Una risata. Un lamento. Un urlo.
Mentre camminava nelle strade buie del quartiere nuovo di Imardin, un uomo si ricordò di quel poema. Si fermò ad ascoltare, ma invece di assorbire il canto della città si concentrò sull’unica eco dissonante. Un suono che non c’entrava. Un suono che non si ripeteva. L’uomo sbuffò piano e riprese a camminare..

3 commenti :

Nuovo codice commenti

Se non volete lasciare un commento ma il post vi è stato utile… schiacciate G+ e condividete il post <3


Powered by Blogger.

© Liber Arcanus ,
AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena
Modificato da AmanteDiLibri