In uscita: Inheritance di Christopher Paolini


Arriva finalmente a conclusione il Ciclo dell'Eredità di Christopher Paolini. Uscirà infatti il giorno 8 Novembre 2011 , per la casa editrice Random House il quarto e conclusivo - confido - volume delle vicende di Eragon e Saphira.
Dopo otto anni e più vedremo quindi la fine di questa avventura, iniziata nel 2003 con "Un ragazzo. Un drago. Un mondo di avventure". Tutte le domane rimaste irrisolte nei libri precedenti avranno una risposta e l'ultimo uovo di drago si schiuderà. Chi sarà il nuovo Cavaliere dei Draghi?
I libri che compongono questa serie sono: Eragon, Eldest, Brisingr e Inheritance.



Titolo originale: Eragon
Titolo italiano: Eragon
Editore: Fabbri
Data pubblicazione: 25 Agosto 2003
N° pagine: 593
ISBN: 9788845102974
Copertina: Jude John Palancar. Raffigura un drago blu, ovvero Saphira. 
Trama: Quando Eragon trova una liscia pietra blu nella foresta, è convinto che gli sia toccata una grande fortuna: potrà venderla e nutrire la sua famiglia per tutto l'inverno. Ma la pietra in realtà è un uovo. Quando si schiude rivelando il suo straordinario contenuto, un cucciolo di drago, Eragon scopre che gli è toccata in sorte un'eredità antica come l'Impero. Forte di una spada magica e dei consigli di un vecchio cantastorie, dovrà cavarsela in un universo denso di magia, mistero e insidie, imparare a distinguere l'amico dal nemico, dimostrare di essere il degno erede dei Cavalieri dei Draghi.

La mia opinione: Lo lessi per la prima volta quando uscì. Mi piacque un sacco. Lo trovavo una storia avvincente, piena di magia, avventure, coraggio e, soprattutto draghi. Lo trovavo ben scritto e intrigante, non riuscivo a staccarmene... Tenente conto che però avevo solamente dodici anni e da poco avevo scoperto la mia passione per i libri.
Per l'uscita di Eldest, nel 2005, lo rilessi e iniziai a intravedere le lacune che aveva: l'andamento un po' troppo semplice e la somiglianza con altri fantasy, ma ritenni e continuo a ritenere che fosse un bel libro.

Giudizio

Titolo originaleEldest
Titolo italianoEldest
Editore: Fabbri 
Data pubblicazione: Ottobre 2005
N° pagine: 809
ISBN: 9788845113567
Copertina: Jude John Palancar. Raffigura un drago rosso, ovvero Castigo. 
Trama: Eragon e il suo drago Saphira hanno appena salvato la città dei ribelli dall'assalto dello sterminato esercito di re Galbatorix, il crudele reggente dell'Impero. Ora Eragon deve mettersi in viaggio per raggiungere Ellesméra, la terra degli elfi, dove proseguirà il suo apprendistato nell'arte della magia e della spada, abilità vitali per un Cavaliere dei Draghi. È un viaggio affascinante, ricco di avventura, costellato da incontri con personaggi che incutono rispetto e visite a palazzi solenni. Tranelli e tradimenti lo attendono a ogni angolo: capire di chi fidarsi sarà per Eragon la prova più difficile.
La mia opinione: Quando uscì lo divorai in circa due giornate, leggevo ogni secondo disponibile... e non mi entusiasmo moltissimo. Alcune parti mi piacquero , ma altre proprio no come il soggiorno di Eragon a Ellesméra. Malgrado questo mi capitò di rileggerlo e forse un pochino lo rivalutai, ma proprio poco poco. La storia non era così terribile ma c'era troppo "elemento elfico" per i miei gusti.

Giudizio


Titolo originaleBrisingr

Titolo italiano: Brisingr
Editore: Fabbri 
Data pubblicazione: Ottobre 2008
N° pagine: 838
ISBN: 9788817026130
Copertina: Jude John Palancar. Raffigura un drago oro, ovvero Glaedr. 
Trama: Molte cose sono cambiate nella vita di Eragon da quando l'uovo della dragonessa Saphira è comparso dal nulla sulla Grande Dorsale: suo zio è stato ucciso, Brom il cantastorie si è sacrificato per proteggerlo dai terribili Ra'zac, il fratello che non sapeva di avere si è rivelato uno dei suoi peggior nemici. Molte cose sono cambiate, altre no: Galbatorix soffoca ancora Alagaësi con la sua tirannia, e il giovane Cavaliere e la sua dragonessa rimangono l'ul speranza di detronizzarlo. Ma Eragon è davvero all'altezza di questo compito? battaglia delle Pianure Ardenti, Murtagh e Castigo si sono dimostrati avversar pericolosi; il sangue di cui si è macchiato tormenta le sue notti insonni; l'a che gli era stata donata non è più nelle sue mani. E non c'è tempo di tornare elfi, non c'è tempo di riposare, non c'è tempo di trovare una nuova spada: Kat è nelle mani di Galbatorix, e per salvarla bisogna entrare nell'Helgrind, dove orribili sacrifici umani vengono compiuti tutti i giorni... Christopher Paolini conduce ancora il lettore nella terra dove i draghi esistono, dove la magia è l'unica speranza di umani, elfi e nani contro tiranni e creature demoniache, in questo che è il terzo volume delle avventure del Cavaliere dei draghi.

La mia opinione: Questo è stato un libro inatteso. Fin dal primo libro infatti era stato dichiarato che sarebbe stata una trilogia, il cui titolo di ogni libro sarebbe iniziato con una E. Brisingr però non inizia con E e tanto meno è l'ultimo libro. Sono dell'idea che questo libro è stato scritto per puro caso, per allungare la storia e, sostanzialmente vendere qualcosa di più... o del quarto libro si sarebbe saputo qualcosa prima.
Condizionata forse dal malcontento di non sapere ancora come finisse e da un atroce capitolo tre, questo libro non mi è proprio piaciuto. Sicuramente quando il quarto libro uscirà rileggerò l'intero Ciclo ma fino ad allora rimango della mia opinione: si poteva vivere senza.

Giudizio

9 commenti :

Nuovo codice commenti
  1. Sono d'accordo con te, si poteva benissimo vivere senza, infatti non l'ho finito :D

    RispondiElimina
  2. Non sono riuscita neanche a finire il secondo... Il primo però mi era piaciuto un sacco! Anche se sapeva un po' da Signore degli Anelli... Sarà che io lo adoro e vedo Tolkien dappertutto!

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace, ma non sono d'accordo con te.. ;) A me sono piaciuti un sacco tutti tre!! :D Era ora che uscisse il seguito... Bravo Paolini, stavamo perdendo le speranze!!

    RispondiElimina
  4. Anch'io li ho letti tutti e tre, però al terzo, forse perchè era troppo lungo, non ho avvertito la necessità di leggere un quarto libro. Forse perchè l'autore ha deciso dopo che sarebbero stati quattro e non tre libri.

    RispondiElimina
  5. Ha parlato l'intenditore di Libri!!!!!! Ma dove vivi zio?????
    I Libri con la "L" maiuscola di paolini sono letti in tutto il mondo e apprezzati anche più di Harry Potter, e quasi del Signore degli Anelli!!
    Quindi non venire qua a sparare queste cavolate tremende.....

    Dopo che avrai scritto tre libri da 800 pagine e uno da 600 ne riparliamo... Ok???
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Paolini potrà essere paragonato a Tolkien quando, e solo quando, crearà tutta la cultura di ogni popolo, ne seguirà ogni evoluzione, ogni percorso. Quando il lavoro di creazione di quel mondo supererà quello dei libri... E anche in quel caso, per quanto possano essere apprezzati, sono ben lontani dall'opera di Tolkien e anche della Rowling in fondo, anche se qui si tratta di una situazione diversa.

    Non intendo essere un critico di libri, ne il più grande intenditore ma esprimo solamente la mia opinione, riporto quello che i libri mi hanno trasmesso. Se poi non ti sta bene quello che dico evita di insultare e di tornare.

    RispondiElimina
  7. L'aver scritto dei libri di un considerevole numero di pagine non significa che per forza quel libro sia una pietra miliare della letteratura mondiale.
    Trovo inoltre che "Harry Potter" e "Il Signore degli Anelli" siano libri con ben più fama di "Eragon", dato che Tolkien è uno dei grandi autori della storia e Rowling la donna più ricca dell'Inghilterra (ovviamente dopo la regina) grazie al successo dei suoi libri. Sarebbe come paragonare Moccia a Flaubert dire che Paolini è migliore di Tolkien.
    Io trovo la lettura di "Eragon" piacevole, un fantasy come un altro simile in tutto e per tutto ad altri fantasy che personalmente reputo migliori :)

    Ovviamente le opinioni sono personali, non è che se a qualcuno non è piaciuto il libro esso debba essere oggetto di repulsione anche da parte degli amanti del genere, c'è a chi piace e a chi no :)
    Non mi sembra che AmanteDiLibri abbia detto qualcosa di così sconcertante da fare polemica, questo blog è stato creato per fare sane discussioni intelligenti su libri, per dare spazio a chi vuole dire la propria. Se non sei d'accordo con quello che ha scritto non sbraitare così, che tanto non serve a niente, non è che cambi la sua opinione in merito. Se ti piace leggere la trilogia de "L'Eredità" che è un bel mattonazzo di 600-800 pagine cadauno, sono ben lieta di sapere che c'è ancora qualcuno che ama la lettura :D

    De gustibus non disputandum est.

    Bibi

    RispondiElimina
  8. mo mi so accorto pure io che c'era qualche somiglianza col signore degli anelli!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. non sono della tua stessa opinione ho 27 anni è rileggo la saga con molto piacere ed ogni volta che arrivo alla fine del 3 volume rimango con l'acquolina in bocca... io amo leggere soprattutto questo genere di storie e se devo dire la verità tra le più "famose" trilogie esistenti questa è quella che mi piace di più

    RispondiElimina

Se non volete lasciare un commento ma il post vi è stato utile… schiacciate G+ e condividete il post <3


Powered by Blogger.

© Liber Arcanus ,
AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena
Modificato da AmanteDiLibri