Prossimamente in libreria! Maggio #1

Solitamente non leggo molti gialli/thriller ma questo, devo direi, mi ha proprio ispirato. E sono certa che appena ne avrà l'occasione giungerà sulle librerie di casa grazie a qualche zia, nonna o mamma... È il loro genere, non il mio, ma non mi farò mancare questa lettura!

Titolo originale: The Gift of  Darkness

Editore: Nord
Collana: Narrativa
Traduzione: V.M. Giambanco
Data di pubblicazione: 30 maggio 2013 
N° pagine: 470
Pagina del romanzo: http://www.ildonodelbuio.com/
Trama: È la paura che gli dà la forza di correre. Il piccolo John Cameron non sente né la fame né il freddo e nemmeno si accorge di avere le braccia coperte di sangue. John sa soltanto che deve attraversare il bosco, nel buio. Solo così potrà chiedere aiuto per il suo amico James Sinclair. Solo così potrà salvare quello che rimane della sua innocenza…
Seattle, oggi. Gli occhi bendati, le mani legate e una croce sulla fronte tracciata col sangue: è in questa macabra posa che il detective Alice Madison trova i cadaveri di James Sinclair e della sua famiglia, trucidati nella loro casa. Dalle prove rinvenute, sembra che il colpevole sia John Cameron, un criminale sospettato di numerosi altri delitti. Ma per Madison i conti non tornano: perché John Cameron avrebbe ucciso il suo amico d’infanzia? Perché avrebbe dovuto odiare proprio la persona con cui aveva condiviso un’esperienza devastante? C’è qualcosa di oscuro dietro quegli omicidi, qualcosa che affonda le radici nel buio di quella notte di venticinque anni prima, quando la polizia aveva salvato i due ragazzini, non riuscendo però ad arrestare i rapitori. E, per scoprire la verità, Madison dovrà entrare in sintonia con l’assassino, e accettare che, quando si volge lo sguardo verso un abisso di tenebra, anche la tenebra guarda dentro di noi
Non c’è luce senza il buio: lo sa bene Alice Madison, la protagonista di questo straordinario romanzo d’esordio che, in un implacabile susseguirsi di sorprese e colpi di scena, ci conduce nei meandri più nascosti dell’animo umano. Madison è sopravvissuta a un’adolescenza segnata dal dolore ma, per fermare un assassino gelido come le nostre paure più profonde, sarà costretta a scendere di nuovo nel cuore dell’oscurità. E noi con lei. Perché bisogna «vedere» il buio per arrivare a riconoscere la luce.
V.M. Giambanco è nata a Roma ed è cresciuta a Firenze e a Milano. Dopo la maturità classica, si è trasferita in Inghilterra, dove si è laureata in Inglese e Teatro. Ha lavorato per anni come assistente al montaggio cinematografico, collaborando alla realizzazione di film come Donnie Brasco e Quattro matrimoni e un funerale. Il dono del buio è il suo esordio nella narrativa e, prima ancora di essere pubblicato, è già divenuto un vero e proprio caso editoriale. Attualmente vive a Londra.
Com'è stato scoperto il libro!
Prima di andare a pranzo, l’agente letteraria inglese Theresa Chris prende un manoscritto a caso dalla pila che ha sulla scrivania. Non appena comincia a leggerlo, viene catturata dalla trama e dallo stile dell’autrice.
Non ha dubbi, è un romanzo che deve avere: contatta subito V.M. Giambanco per proporsi come sua agente.
Theresa Chris è sempre più convinta di avere tra le mani un futuro bestseller e manda il romanzo in lettura ad alcuni editori selezionati.
Tra gli editor inglesi si scatena un’asta agguerritissima: dopo vari rilanci, vince Quercus, editore di bestseller come Stieg Larsson e Kristin Harmel.
Alla vigilia della Fiera di Londra, cominciano ad arrivare offerte da tutto il mondo. Nel giro di pochi giorni il libro viene venduto in Germania (Droemer-Knaur), Francia (Editions Albin Michel), Olanda (Luitingh Sijthoff), Spagna (Ediciones Pamies), Israele (Keter Books) e Giappone (Shueisha).
È attualmente in corso un’asta per l’acquisto dei diritti negli Stati Uniti e in Canada.
In Italia, la Casa Editrice Nord si è aggiudicata i diritti dopo una delle aste più intense dell’anno, strappando Il dono del buio a un altro importantissimo gruppo editoriale. L’agente e l’autrice hanno scelto la Nord per la sua capacità di portare al successo autori esordienti, come accaduto con Frank Schätzing e Glenn Cooper.

La forza del romanzo
Scritto originariamente in inglese, il libro è stato tradotto e rivisto dall’autrice per preservare lo stile originale e il timbro inconfondibile
Una storia potente che alla leggibilità e scorrevolezza dei bestseller internazionali unisce una cura dei dettagli e una profondità psicologica al livello dei maestri italiani del thriller come Donato Carrisi e Giorgio Faletti

Memorable Monday #4


He smiled. “All I want is your promise to stay with me, to be mine. Sometimes it feels like you can't possibly be real. Promise me you'll stay.”
“Of course. I promise.”
Sorrise. “Tutto quello che voglio è la tua promessa di restare con me, per essere mia. A volte non mi sembra possibile che tua sia reale. Promettimi che resterai.”
“Certo. Te lo prometto.”
Kiera Cass,
The Elite

Come sempre scusatemi per la recensione un po' arrabattata. E se qualcuno volesse la recensione o qualche spoiler sul libro dia un segno di vita!

Book Beginnings on Fridays #3


     Il famoso curatore del Louvre, Jacques Saunière, raggiunse a fatica l'ingresso della Grande Galleria e corse verso il quadro più vicino a lui, un Caravaggio. Afferrata la cornice dorata, il vecchio di settantasei anni tirò il capolavoro verso di sé fino a staccarlo dalla parete, poi cadde all'indietro sotto il peso del dipinto.
     Come da lui previsto, una pesante saracinesca di ferro calò nel punto da cui era passato poco prima, bloccando l'ingresso al corridoio. Il pavimento di parquet tremò. Lontano, un allarme cominciò a suonare.

***

De La lama dei sogni, undicesimo volume de la Ruota del Tempo di Robert Jordan, era l'incipit proposto la scorsa settimana... chi indovinerà quello di oggi?

Www... Wednesdays! #3

Lo so, non mi riesce proprio pubblicare questa rubrica il mercoledì!


What are you currently reading?
Magia selvaggia di Jude Fisher. Ogni tanto capita che riesumi vecchi serie dai meandri della libreria e sono proprio felice di averlo fatto!

What did you recently finish reading?
The elite di Kiera Cass... Forse mi è piaciuto più di The selection ma America combina davvero un mucchio di disastri! (Se volete la recensione datemi un segno di vita!)

What do you think you’ll read next?
Se non spunta qualche libro all'improvviso finirò la Trilogia della Pietra d'Oro con La rosa del mondo.

Teaser Tuesday #3


     «E questo» spiegava la giovane «è il Drago di Wen.» Indicò un intricato disegno in argento che si curvava intorno all'elsa. «Vedete? Questa è la coda, avvolta intorno al suo avversario, il Lupo delle Terre Innevate, e le sue ali sono qui e qui, dispiegate lungo le guardie.»
     L'uomo brizzolato chinò la testa e tracciò con le dita il disegno con espressione soddisfatta.
     «E la testa esce fuori proprio qui nel pomo: ho fresato la gemma rossa qui - vedete il suo occhio? - in modo che sia liscia al tatto. Ditemi cosa ne pensate.»
Jude Fisher,
Il risveglio della magia

Prossimamente in libreria! Aprile #5

Vi piacciono le fiabe rivisitate e la distopsia? Allora presentatevi dal vostro libraio di fiducia il 30 aprile e troverete una nuova uscita ad aspettarvi!

Titolo originale: Scarlet
Serie: Cronache Lunari, n°2

Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Data di pubblicazione: 30 Aprile 2013
N° pagine: 432
Trama: Anno 126, Terza Era. Androidi e umani popolano le strade di Nuova Pechino, sotto lo sguardo implacabile degli abitanti della Luna. Cinder, giovane cyborg e legittima erede al trono lunare, evade dalla prigione in cui è stata rinchiusa per partire alla volta di Parigi, alla ricerca della donna che in passato l’ha nascosta dalla malvagia Regina Levana. Il suo destino si intreccia a quello di Scarlet, giovane contadina francese costretta ad abbandonare la sua fattoria per ritrovare la nonna, scomparsa senza lasciare traccia. Insieme, con l’aiuto dell’ambiguo Wolf, esperto di combattimenti clandestini, e dell’affascinante cadetto Carswell Thorne, Scarlet e Cinder scopriranno di dover combattere un nemico comune: la Regina Levana, pronta a scatenare la guerra per indurre il principe Kai a sposarla e affermare la supremazia dei Lunari sulla Terra. Vigilata da una luna ostile e minacciosa, Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, dovrà attraversare una città insidiosa come il profondo del bosco, e scoprire se dietro il conturbante Wolf si nasconde un alleato o un predatore.
Devo dire che questa cover mi piace molto più di quella di Cinder ma soprattutto molto più di quella originale! È davvero splendida, davvero complimenti ha chi l'ha pensata e fatta.

Voi invece preferite l'originale? E chi lo comprerà?

Cover Reveal - Gabriel's Redemption

Ebbene si, questo post è la riprova che Sylvain Reynard e il suo Gabriel's Inferno mi ha conquistato come non accadeva da molto. E ora sono qui per svelarvi (immagino insieme ad un altro centinaio e più di blog e siti) la cover del terzo libro!
Non siete emozionati? Almeno un po'? Io ero curiosissima di vederla e quando ieri è arrivata sprizzavo gioia da tutti i pori! (lo so, lo so, non so del tutto normale ma cosa posso farci?)

Ma bando alle ciance... Ecco a voi Gabriel's Redemption!


Serie: Gabriel's Inferno #3

Editore: Penguin Berkley
Data di pubblicazione originale: 3 Dicembre 2013
Data di pubblicazione italiana: Speriamo presto!!!
Trama: Il professor Gabriel Emerson ha lasciato il suo incarico presso l'Università di Toronto per intraprendere una nuova vita con la sua amata Julianne. Insieme, lui è fiducioso si possa affrontare qualsiasi sfida. Ed è anche ansioso di diventare padre.
Ma il corso di laurea di Julianne minaccia i piani di Gabriel. Quando le viene dato l'onore di presentare una lezione accademica a Oxford, Gabriel è costretto a confrontarsi con lei sul tema della sua presentazione - ricerca che è in conflitto con la propria. E ad Oxford, appaiono diverse persone dal loro passato, tra cui un vecchio nemico intento ad umiliare Julia e a rivelare uno dei più oscuri segreti di Gabriel.
Nel tentativo di affrontare gli ultimi demoni rimasti, Gabriel inizia una ricerca alla scoperta di notizie in più sui suoi genitori biologici, dando luogo ad una serie di eventi che avranno ripercussioni su sè stesso, su Julianne, e sulla speranza di avere una famiglia.
Allora? Cosa ne pensate? A me piace, si adatta bene alle altre delle serie e la trama è a di poco emozionate. Se speravo che la mia curiosità venisse un po' placata ero decisamente fuori strada!
E la nostra l'attesa per questo libro viene accresciuta con perfidi teaser, uno più bello dell'altro! Come  possiamo resistere fino al 3 dicembre?

Non considerando che non sappiamo ancora cosa accadrà in Redenzione e Tormento in uscita a fine maggio. (Sigh sigh)

Vi lascio anche i dati di quest'ultimo in attesa anche di questa copertina!

Titolo originale: Gabriel’s Rapture
Traduzione: Elena Cantoni
Collana: Narrativa
N°pagine: 352
Data di pubblicazione: fine maggio 2013
Trama: È una ragazza ingenua, una semplice studentessa universitaria. Eppure, dietro quell’apparenza tranquilla, Julia nasconde un carattere forte e determinato, e una dolcezza capace di riscaldare perfino il cuore glaciale di Gabriel Emerson. Julia lo ha guarito dalle ferite del passato e gli ha fatto conoscere il vero amore, e adesso è pronta a lasciarsi guidare dalla passione. A Firenze, dove i due sono fuggiti, Gabriel la conduce lungo un sentiero costellato di desiderio e di trasgressione verso il paradiso del piacere… Ma, dopo aver scoperto la loro relazione, e determinato a evitare lo scandalo, il rettore dell’università dà un ultimatum alla coppia: dovranno separarsi o la vita di entrambi diventerà un inferno…
Insomma, quest'uomo, con i suoi libri sta diventando la mia rovina... meglio che torni ai miei disegni sennò sarò presa da un'irrefrenabile voglia di rilettura.

Aspetto i vostri commenti!


Oh! Prima che mi dimentichi, ecco i due link per preordinare, se voleste, libro ed ebook!

Memorable Monday #3


     Tanto tempo fa, un angelo e un diavolo si innamorarono e osarono immaginare un nuovo modo di vivere, senza massacri, gole squarciate e roghi per i caduti, senza ritornati o eserciti di bastardi o bambini strappati dalle braccia delle loro madri per fare il giro sulla ruota dell'uccidere e morire.
     Un tempo, gli amanti giacquero abbracciati nel tempio segreto della luna e sognarono un mondo che era come uno scrigno di gioielli senza gioielli: un paradiso che attendeva di essere scoperto e riempito con la loro felicità.

     Questo non era quel mondo.
Laini Taylor,
La città di sabbia

Bookmarks&Quote, #13

Oggi per voi un quartetto di segnalibri tutti di libri italiani! Sono sempre fronte e retro.



Come primo de La maledizione di Ondine di Valentina Barbieri di cui vi ho parlato da poco e a breve arriverà la recensione.
Poi L'orlo del Vespro di Amina Havet che aspetta solo il momento giusto per leggerlo.
Luna di Francesca Verginella di cui non mi sono dimenticata e che sarà il primo libro che leggerò appena metterò la parola fine alla mia vita accademica questa estate.
E ultimi ma non meno importanti Angels e Il pozzo delle anime di Serena Versari di cui vi parlerò prossimamente!

Cosa ne pensate?
Se siete interessati ai segnalibri provate a contattare le autrici!
Alla prossima!

La città di sabbia di Laini Taylor

Vi avevo annunciato qualche giorno fa l'uscita di questo romanzo e di come già dopo poche righe fosse riuscito a riportarmi nel suo mondo popolato di serafini e chimere, ma soprattutto deciso a non lasciarmi andare. Cercherò di portarvi con me con questa recensione che ha richiesto giorni e giorni di riscritture, ma la cosa migliore è farvi conquistare da Karuo e Akira!

Titolo originale: Days of Blood & Starlight
Serie: Daughter of Smoke & Bone, #2

Editore: Fazi
Collana: Lain, n°118
Data di pubblicazione: 25 Aprile 2013
N° pagine: 480
Trama: Oltre i confini della Terra, in un luogo effimero e invisibile, due giovani creature, un guerriero serafino e una chimera si sono incontrati e tra di loro è nato un amore impossibile. Le loro due razze infatti, nemiche da secoli, sono in guerra, e tentano di distruggersi a vicenda in una spirale di vendette e sacrifici. I due ragazzi però hanno un sogno, portare la pace e la serenità tra i loro due popoli e vivere il loro amore senza l’ombra del pericolo e della segretezza. Ma il destino non sarà misericordioso per questi due amanti sfortunati, che verranno scoperti e condannati a morte. Akiva riuscirà a fuggire e mettersi in salvo, mentre Karou verrà giustiziata, ma grazie al suo padre adottivo, un resuscitatore, la sua anima verrà trasmigrata in un corpo umano. Ma Karou non potrà per sempre nascondersi dalla sua vera identità e quando scoprirà tutto sul suo passato sarà anche il momento di ritrovare Akiva e continuare ciò che avevano iniziato insieme. Riusciranno a costruire un dialogo di pace tra i due nemici e scongiurare un conflitto che potrebbe distruggere le loro vite e il loro mondo?

Accade spesso che una trilogia segua nei suoi romanzi la stessa impronta data dagli avvenimenti del primo libro, magari con un po' di azione in più o un taglio lievemente diverso ma non si discosta mai troppo. 
In questo caso Laini Taylor si discosta da ogni possibile previsione e ci regala una storia dura e fredda, che ci fa aprire gli occhi su di un mondo sanguinoso devastato dalla guerra, totalmente l'opposto di ciò che accadeva ne La chimera di Praga, uno sogno condito di romanticismo e mistero.
Anche le due ambientazioni non potrebbero essere più diverse, una nella città ceca ricca scorci magici e a tratti anche un po' oscuri, per passare poi nel caldo Marocco, in un castello di sabbia, la Kabsat, di cui Karou è sacerdotessa e prigioniera.
Se messa così può sembrare che nulla abbaiano in comune questi due romanzi che, invece, vengono legati dallo stile con cui l'autrice ci mostra questi avvenimenti, intenso e frizzante allo stesso tempo, e che ci incanta trasmettendoci gli odori e le immagini di cui scrive.

Spoiler!
Leggere a vostro rischio e pericolo!

Eretz è stato travolta per millenni dalla sanguinosa guerra tra diavoli e angeli, e aveva visto Madrigal, una chimera, e Akiva, un serafino, sui fronti opposti. Eppure questo non aveva impedito loro di amarsi e sognare un mondo diverso dove vivere. Ma...
Questo non era quel mondo.
Scoperti, i due amanti erano stati catturati e condotti a Loramendi, la città delle chimere dove Madrigal era stata giustiziata per tradimento di fronte ad Akiva. Quest'ultimo una volta liberato e distrutto per la morte della chimera avevo portato l'impero degli angeli a sconfiggere e distruggere completamente il nemico. Per questo il serafino "conquista" il nome di Sventura delle bestie.
Ma quello che non sa è che Surphurus ha recuperato l'anima di Madrigal e ha creato per lei un nuovo corpo, una ragazza umana dai capelli blu pavone, Karou, Speranza nella lingua delle chimere.
Tutto questo ricorda Karou, alla fine de La chimera di Praga, quando spezza l'osso del desiderio che portava al collo con Akiva.

Ne La città di sabbia Akiva e Karou si trovano nuovamente sui fronti opposti di quella guerra, ignari della sorte dell'altro. Ma se per l'angelo questo è straziante e lo porta a cercare un riscatto e la possibilità di una via migliore; Karou non riesce a perdonargli la morte delle persone che amava e il suo cuore è invaso dalla rabbia e il disprezzo per l'uomo che aveva amato.

La Karou che avevamo conosciuto nel primo libro era giovane, innocente e spensierata, che viveva in un modo fatto di amicizie, arte e avvenuta. Difficilmente però possiamo riconoscerla nella ragazza dai capelli blu che avevamo preso a cuore: ha lasciato alle sue spalle tutte le cose infantili, ha perso tutti i suoi cari, la vita che aveva conosciuto a Praga, e questo la porta ad essere, allo stesso tempo, più vulnerabile e più dura.
Anche Akiva cambia mentre riluttante, esegue gli ordini che gli vengono assegnati. Ha visto entrambi i lati della guerra e sa che continuerà all'infinito se qualcosa non cambia. Vuole dare alla pace una possibilità e non so per il suo popolo ma anche per quello che dovrebbe essere il suo nemico, le chimere. Insegue ancora il sogno che aveva condiviso con Madrigal ma non solo a causa del suo amore per lei, ma rendendosi conto a cosa porta la vendetta.

Entrambe le parti ci portano a vedere, in modi distinti eppure simili, l'inutilità della guerra, il dolore e la disperazione che porta, ma anche di come si possa affrontarla, cercando di fare la cosa giusta rincorrendo la speranza.

Ma in tutta questo vi sono comunque intermezzi più leggeri e anche comici, dati soprattutto da Zuze e Mik, e a poco a poco i nostri personaggi riscoprono il sogno che avevano condiviso e noi con loro.
Il finale ci lascia con mille possibilità a portato di mano, preoccupati per Karou e Akiva ma anche sperando che tutto si risolva.
Non vedo l'ora di leggere il terzo!
E ringrazio Giulia della Fazi Editori per la possibilità di leggere questo in anteprima, è stato magnifico!

Quindi, se non vi siete ancora fatti incantare da questa scrittrice correte in libreria, se invece avete già letto La chimera di Praga, vedrete che non sarete delusi da questo nuovo capitolo!

A questo punto averi una tonnellata di citazione da proporvi ma mi limiterò a lasciarvi con l'estratto della pagina 68 (dovrebbe essere quella dopo ma sono solo due righine)! Buona lettura! Attenti agli spoiler però, leggete solo se siete curiosi!
Avevano i turiboli. Avevano le anime.
Secondo Karou, parecchie centinaia di soldati uccisi aspettavano inerti nei loro vasi d'argento e toccava a lei riportarli in battaglia.
«Siamo insieme in questa faccenda», aveva detto Thiago. La ragazza lo guardò con durezza e aspettò il solito moto di disgusto, che invece non arrivò. Forse era soltanto troppo stanca.
Oppure... forse il Destino ti preparava la vita come un vestito su un letto e tu potevi scegliere se indossarlo o andare in giro nudo.
Dall'altra parte della stanza, il Lupo aveva trovato la valigetta degli attrezzi di Karou. Era una cosina graziosa, di cuoio goffrato color zafferano, e poteva essere presa per un astuccio da trucco.
Non lo era.
Thiago ne rovesciò il contenuto sul tavolo. C'erano alcuni oggetti di uso comune: spilli, una lametta, un martello, pinze, ovviamente, ma soprattutto c'erano delle morse. Non erano appariscenti: soltanto sobri morsetti d'ottone a vite, come quelli che aveva usato Sulphurus. Era stupefacente il dolore che si poteva provocare con oggetti tanto semplici, se sapevi come usarli. Karou li aveva fatti creare a mano, su ordinazione, da un fabbro della medina di Marrakesh. L'uomo non aveva posto domande, ma aveva immaginato lo scopo di quegli strumenti e le aveva rivolto un sorrisetto d'intesa che l'aveva fatta sentire sporca. Come se lei se la godesse.
«Pagherò io il tributo». Disse il Lupo e Karou, nel vuoto della sua repulsione curiosamente assente, si sentì invadere dal sollievo.
«Davvero?».
«Certo. L'avrei fatto prima, se mai mi avessi lasciato entrare. Pensi che mi piaccia saperti rinchiusa qui dentro da sola, a soffrire?».
Sì, pensò lei, ma nello stesso momento le baluginò un dubbio per tutti i sospetti e le notti di porte sbarrate. Thiago avrebbe offerto il suo dolore alla magia così non avrebbe dovuto farlo lei. Come poteva rifiutare una cosa del genere? Lui si stava già togliendo di dosso l'impeccabile camicia bianca.
«Vieni». Lui sorrise e Karou vide nei suoi occhi una spossatezza che rispecchiava la sua. «Facciamolo, e che sia finita».
Karou entrò. Chiuse la porta con il piede e si avvicinò a lui.

Book Beginnings on Fridays #2


     La Ruota del Tempo gira e le Epoche si susseguono, lasciando ricordi che divengono leggenda. La leggenda sbiadisce nel mito, ma anche il mito è ormai dimenticato quando ritorna l'Epoca che lo vide nascere. In un'Epoca chiamata da alcuni Epoca Terza, un'Epoca ancora a venire, un'Epoca da gran tempo trascorsa, il vento si levò sulla montagna spezzata chiamata Montedrago. Il vento non era l'inizio. Non c'è inizio né fine al girare della Ruota del tempo. Ma fu comunque un inizio.
     Nato sotto il bagliore di una grossa luna che stava tramontando, a un'altitudine in cui gli uomini non potevano respirare, nato fra correnti turbinanti riscaldate dai fuochi all'interno del picco frastagliato, il vento al principio fu una brezza, poi guadagnò in forza e si precipitò giù lungo il ripido e scabro pendio. Portando con sé cenere e puzza di zolfo ardente dalle alture, il vento ruggì lungo le colline innevate che improvvise si ergevano dalla pianura che circondava l'incredibile altitudine di Montedrago, ruggì e agitò alberi nella notte.

***

Il libro della scorsa settimana era Ragione e Sentimento di Jane Austen... complimenti ha chi ha indovinato!

Spazio Italia #4

Nuovo giorno, nuova segnalazione tutta italiana che aspetta solo di essere scoperta!

Genere: Urban Fantasy
Data di pubblicazione: 12 Dicembre 2012
N° pagine: 266
Trama: La noiosa vita di Cristopher Lancaster e del suo amico Edward Post viene messa a soqquadro quando il passato del ragazzo si fonde con il suo presente. Colpito da una pesante maledizione che lo costringe a vivere di notte e nascondersi di giorno, Cris ha trascorso la sua esistenza occultando la sua identità e cacciando creature soprannaturali. Tra colpi di scena e situazioni al limite del verosimile, il nostro protagonista dovrà affrontare la sua più grande paura per liberarsi dalla maledizione e proteggere le persone a lui più care.


Anche questa opera mi intriga parecchio e non vedo l'ora di trovare il tempo per leggerlo! A voi come sembra?
Mentre ci pensate ecco qualche piccola curiosità!
Il libro è stato ripubblicato il 12.12.2012 (prima pubblicazione 2008), una data importante che si riflette in molti aspetti della nostra vita: 12 mesi, 12 ore nei meridiani del giorno, 12 segni dello zodiaco, 12 apostoli e la pubblicazione del libro: Sull'Orlo del Vespro. Questa data inoltre si ritrova nel libro e svolge un ruolo fondamentale per la storia.

Www... Wednesdays! #2

Lo so, lo so, oggi è giovedì ma facciamo finta di niente!


What are you currently reading?
La maledizione di Ondine di Valentina Barbieri, in poche pagine mi ha conquistato!

What did you recently finish reading?
La città di sabbia di Laini Taylor. Semplicemente magnifico, se avete amato La chimera di Praga questo secondo capitolo non vi deluderà pur essendo molto diverso.

What do you think you’ll read next?
Necessito di una buona dose di fantasy per cui punterò su The Runway King di Jennifer Nielsen o rispolvero la trilogia di Judith Fisher. Voi cosa consigliate?

Teaser Tuesday #2



     «Per la vita di una chimera», disse Liraz.
     «Per la vita di una, sì, e la speranza di altre», rispose Hazael.
     «La speranza di lei», replicò Liraz, non senza amarezza. Come poteva non odiare quella ragazza fantasma che non era né viva né morta, né umana né chimera... Che diavolo era, in fin dei conti? Era talmente fuori dagli schemi, così profondamente anormale e... Liraz sapeva che alla radice di tutto c'era la gelosia, e si detestava per questo. Akiva le apparteneva.
     Oh, non in quel modo. Era suo fratello. Ma Hazael e Akiva erano la sua famiglia, la sua unica famiglia. Avevano centinaia di altri fratelli e sorelle, ma era diverso. Erano sempre stati loro tre e, sebbene più di una volta fosse stata vicina a perderli in battaglia, fino a poco tempo prima non si era mai dovuta preoccupare di perderli in quell'altro modo. Gli Illegittimi non si innamoravano e non si sposavano. Era proibito. Ma sarebbe stato peggio, pensò, perché sarebbe stata una loro scelta. Non sarebbero morti, né le sarebbero stati strappati. Avrebbero deciso liberamente di far ruotare la loro vita intorno a un'altra persona e l'avrebbero lasciata da parte.
Laini Taylor,
La città di sabbia

Senza titolo #1

In questo momento dovrei essere a disegnare ma so che, se non colgo l'attimo, questo post non vedrà mai la luce. L'ho scritto e riscritto un'infinità di volte nella mia mente ma le parole sono sempre rimaste pensieri senza ragione.
Probabilmente nelle righe che seguiranno ci saranno un sintassi in vacanza prolungata, ripetizioni infinite,  tesi e controtesi che coesistono (del resto non ho mai preteso di essere coerente, sono così e basta), intermezzi puramente senza senso e vi via di questo passo. Insomma, sarà un bel post in stile flusso di pensieri, in cui perderò sicuramente il filo del discorso.

Vi siete mai chiesti quanti tra blog e forum letterari esistano in Italia, il paese in cui la media di lettura è di un libro all'anno? Senza ovviamente contare le pagine e i gruppi su Facebook, i blog degli scrittori, ecc. Ve lo dico io, un'infinità. Sono rimasta sconvolta quando me ne sono realmente resa conto - ho sempre saputo che fossero molti ma la reale mole andava oltre i miei sogni più sfrenati.
Diretta conseguenza di ciò è che se molti sono accomunati da una stessa passione per un tal genere, per altrettanti equivale alla peste, cosa è più che giusta sennò ci ritroveremo che la media di lettura è solo di un libro perché solo quello esiste e null'altro. Quindi è normale cosa che in un luogo di discussione possano venir fuori dibattiti tra le due parti, a favore o contro un dato genere (o autore, stile, font o quant'altro vi venga in mente).
Leggere - partecipando o no - queste discussioni è spesso interessante e capace di mostrare un lato che fino a quel momento non si era visto. Sappiamo tutti che ogni libro ha diversi aspetti e spesso i lettori decidono di concentrarsi su uno, discriminando gli altri (Non ditemi che non l'avete mai fatto, nel bene o nel male, neanche una volta, perché non vi credo).
Ma quando la cosa diventa, o peggio ancora, parte direttamente come insulto pendo le staffe.

Probabilmente a breve farò di tutta l'erba un fascio ma sono davvero stufa.


Se siete su Facebook e la vostra bacheca è foderata di notizie inerenti libri e scrittura sicuramente avrete un amico che si è iscritto, se non lo siete voi stessi, allo spotted (che non sapevo cosa fosse fino a una settimana fa) inerente il mondo dei libri. Quando l'ho visto mi è sembrata una splendida idea, una cosa simpatica, ma dopo neanche una giornata l'ho eliminata.
Insulti, su insulti - si ci sono anche spot giusti e interessanti - ma la gran parte è composta da insulti. Sarò sensibile io, ma credo che si tratti solo di educazione non ingiuriare le persone perché non si è d'accordo con una loro scelta. Si più dirlo, anche con toni accessi, ma senza insultare chi hai "davanti". 
Credetemi lo so bene com'è sentirsi insultare ripetutamente per una scelta ritenuta sbagliata - in questo caso l'università di architettura fa miracoli - e sentire la stessa cosa detta in toni civili. Vi garantisco che nella seconda situazione una persona prende molto più in considerazione ciò che gli viene detto anche se risponde... Nella prima pensa solo agli insulti con cui ribattere per difendere il suo pensiero (anche se poi non dovesse dirli o scrivere).

Ma quello che davvero mi ha fatto incavolare è stato un messaggio (ultimo di una lunga serie) contro un determinato genere che sta arrivando in Italia. Tutti noi sappiamo a cosa mi riferisco, così come sappiamo che l'editore ha un unico scopo, fare soldi - piacerebbe a tutti che fossero enti benefici il scopo fosse portare nelle nostre case tutti i libri di questo mondo - e come tale cerca i libri che più hanno probabilità farglielo raggiungere (poi a volte ci riesco altre no, mi sembra ovvio).
E ovviamente le "mode" cambiano.
La prima che io ricordi è stata quella a seguito dell'uscita di Twilight. Ora, non voglio inoltrarmi sugli aspetti di questo libro e di quelli che sono seguiti, ma voglio dire una cosa. Anzi, forse due o tre.
(Considerate che da quindi in poi mi sto riferendo a chi ora ha tra 18 e 25 anni).
Per prima cosa, fermatevi un attimo e pensate a quanti amici - che conoscete di persona - hanno letto tutti gli Harry Potter. Se siete più fortunati di me saranno molti, di mio ne conosco tre. E aumentano ben a quattro, toh cinque, se considero chi li ha letti dopo dopo moltissimi anni. Ci sono ovviamente molti che ne hanno letti un po', magari i primi e poi hanno visto i film o viceversa.
Invece ora pensate ragazze - qui mi rendo conto di rivolgermi soprattutto a ragazze - in quanti hanno letto Twilight. Io arrivo alla decina tonda tonda. Straordinario vero? Per quanto tutto il mondo editoriale sia concorde - me compresa - che HP sia nettamente sopra all'altro, il vampiro sbrilluccicoso è molto più letto (non ho idea di come sia la condizione al di fuori dell'Italia per cui mi riferisco al nostro bel paese).

Dove voglio arrivare? Per quanto possa essere o no un bel libro, che dica una cosa invece di un'altra, che abbia principi e valori condivisibili o no, Twilight ha fatto leggere anche chi non lo faceva prima, perché la metà di quelle dieci persone prima non leggeva assolutamente nulla.
E di questo non può che essere meritevole.
Ditemi, voi come avete iniziato a leggere? Cosa vi ha spinto a prendere in mano il primo libro e trovarne ciò che amante dentro?
È stato vedere uno o entrambi i genitori che leggono, un insegnate o un professore che ne parlava con tale entusiasmo da volere provare la stessa emozione, un amico, uno parente o qualcun altro? Perché è in dubbio che se nessuna di queste cose è accaduta al 90% non avete sviluppato un passione per la lettura, come avreste potuto (poi magari è accaduto ma ci sarà sempre qualcosa che vi ha fatto scattare quella gioia di avere tra le mani un nuovo libro).
E se questa cosa fosse l'amore? Il sogno che pur non essendo nulla di speciale qualcuno può amarti?

Questa serie nascono tutti i libri del filone Young Adult, più o meno arrabattati, più o meno belli e scritti bene, più o meno profondi ecc, che ancora adesso invadono le librerie
E, abbiate pietà di quello che sto per dire, questi libri sono adatti per i lettori a cui sono rivolto. Con questo NON voglio dire che un libro per ragazzi debba essere scritto male, che debba per forza avere le caratteristiche tipiche del genere e sopratutto che si debba leggere solo quei romani. NO. Dico che ogni persona avrà una storia che toccherà la sua personalità, il suo modo di essere, i suoi sogni, e tutto questo dipenderà da com'è, da come è venuto in contatto con i libri e dalla sua vita in quel momento. E le sue scelte non vanno criticate per questo!
Quando lessi Twilight lo amai ma dopo sei anni so bene che quel libro ora, non mi direbbe nulla, o meglio non mi darebbe quello di cui ho bisogno quando leggo in questo momento. Spero di essermi spiegata e che la cosa abbia un minimo di senso.
Chi leggerà a dieci anni Guerra e pace - sto sparando un titolo a caso - e troverà in questo un libro adatto a se ovviamente non andrà a leggere di vampiri e altre creature. Così come chi è femminista convita - qui sto facendo di tutta l'erba un fascio ne sono cosciente, ma voglio intendere chi crede fermamente che la donna debba salvarsi da sola ed essere assolutamente autosufficiente in ogni cosa - non andrà a leggere una storia d'amore dopo il lui di turno è "più forte" della lei.
Per me sarebbe inutile, per non dire una sofferenza, leggere un libro che tratta la condizione della donna in oriente: è qualcosa che merita, che VA raccontato e descritto, ma non è quello di cui ho bisogno e voglia quando leggo. 

E come dicevo i libri hanno un target di persone a cui sono rivolti, quindi ci si può ben aspettare che gran parte dei suddetti lettori abbia bisogno di qualcosa di diverso man mano che gli anni passano e la loro vita cambia: possono cambiare decisamente genere avendo scoperto qualcosa di nuovo, possono smettere di leggere, o possono aver bisogno di libri in cui si riconoscono. E da qui partiamo con il discorso del New Adult.
È palese che se continui a sognare un amore che difficilmente arriverà ma ormai sei nel mondo del lavoro non puoi provare lo stesso piacere nel leggere di problematiche coppiette di liceali come una volta. Quindi cerchi qualcosa di più vicino alla tua condizione, ossia questo nuovo genere che sembra scandalizzare gli animi femministi. 
Ribadiscono nuovamente il concetto chiave di questo lunghissimo discorso sconclusionato: se non ti piace il genere, non è quello che cerchi, se non condividi nulla di quello che c'è scritto, è INUTILE che butti via i soldi per questi libri. Ma soprattutto non tirare fuori la violenza e il maltrattamento delle donne. Cerca di distinguere tra quello che c'è scritto dall'inizio alla fine del libro e quello che è vera violenza per tutta la vita. Quei libri sono storie d'amore (avviso che chiunque commenti e prova a dire malate verrà cancellato senza alcun rimpianto e senso di colpa. Mio blog, mie regole), che possono avere inizialmente dei comportamenti sbagliati ma che si concludono con rapporti paritari, dove i due protagonisti si amano. 
Forse è questo l'atroce peccato di questi libri? Un amore profondo che mette davanti l'altra persona prima di se stessi? Anche se si è ricambiati allo stesso modo?

So bene che nella realtà le cose non stanno così, ma confido che una donna distingua la violenza gratuita, che sappia difendere le sue scelte e un uomo comprenda gli errori e l'orrore in quello che fa. 
E i libri sono la speranza che le cose sbagliate si aggiustino. Questo poi è il mio punto di vista, a voi il vostro.

Memorable Monday #2


«Non posso» rispose lui, ma allentò la presa. Come se gli avesse estorto una confessione sotto tortura, dichiarò: «Ho provato a lasciarti andare centinaia di volte, Victoria, ma non ci riesco».

Judith McNaught,
Sarà per sempre

Spazio Italia #3

E con estremo ritardo da parte mia, eccomi di nuovo a segnalarvi una promettente storia, tutta italiana, scritta da Valentina Barbieri e autopubblicato.
Pronti a scoprire se l'amore può superare le prove del tempo e della morte?

Genere: Urban Fantasy
N° pagine: 280 
Trama: Ondine è una giovane sensitiva in grado di percepire una dimensione in cui gli spiriti vagano, anelando il modo per tornare nel mondo dei vivi.
Cercando una spiegazione razionale e scientifica, Ondine, insieme all’amico Francesco, indaga su eventi paranormali.
La verità inizia a venire allo scoperto quando a Londra incontra Benjamin Law, un giovane e affascinante prete in grado di passare dall’Altra Parte. Grazie a lui, Ondine viene a conoscenza di oggetti posseduti e assiste a un terribile esorcismo.
Le informazioni su un antico Ordine dei Guardiani portano Ondine e Benjamin a Praga, alla disperata ricerca di Lysandra Novacek, l’ultima discendente della famiglia a capo dell’Ordine.
Tra spiriti e luoghi antichi, Ondine viaggerà per l’Europa, affrontando le sue più grandi paure, compresa quella di un amore così forte quanto impossibile. Chi sono i Guardiani dei Portali e perché l’Ordine si è sciolto dopo la seconda guerra mondiale? Cosa si nasconde dentro la dimora di Hasdeu, filosofo e politico romeno della fine dell’800?
Come si sconfigge chi è già morto?
“Quando attraversi le porte che separano il mondo dei vivi da quello dei morti,
devi essere sicura di poter tornare indietro…”

Letto recensioni davvero entusiaste e quindi non vedo l'ora di iniziare anche io questo nuovo romanzo. Quindi arriverà la recensione, tenete gli occhi aperti!
E voi? Cosa ne pensate? Per farvi un idea qui sotto troverete un piccolo estratto. Buona lettura!
     «La camera di Kirlian. In realtà è stato dimostrato che l’effetto era attribuibile alla temperatura, all’umidità residua e al fatto che i due coniugi russi utilizzassero un apparecchio fotografico a elevato campo elettrico» lo contraddico, cercando di risultare meno saccente possibile.
Leonardo pare impressionato. «Sai un sacco di cose! E queste aure come le vedono i sensitivi?»
      Tossisco un poco, per mandare giù il fastidioso sapore del rhum. «Dicono che nell’aura si manifestano i nostri sentimenti ed emozioni. Colori diversi...» spiego, spostando d’istinto l’occhio sulla coppietta che si sta baciando appassionatamente: intorno a loro un’aura rossa e forte si espande. «Nella medicina tradizionale orientale, alcuni mistici sostengono di poter curare il malato guardando solo la sua aura. Quella di una persona sana è costante lungo tutto il perimetro del corpo e cambia colore a seconda dello stato emotivo. Mentre quella di un malato è diversa...»
     Mi interrompo all’istante, mentre un ricordo si fa strada nella mia mente. Avevo appena compiuto sedici anni e, tornata da una serata al bar con gli amici, vidi per la prima volta l’aura di mia madre. Mentre Daniela mi sgridava per il mio stato d’ebbrezza, io non potevo fare a meno di notare la luce frastagliata intorno al suo corpo. Così tenue, così traballante, come una candela alla fine dello stoppino. Interruppi il suo monologo sulla punizione che mi spettava e le chiesi se stava bene.

Book Beginnings on Fridays #1


     La famiglia Dashwood si era stabilita nel Sussex da molto tempo; le loro proprietà terriere erano vaste, e al centro sorgeva Norland Park, la residenza in cui per molte generazioni avevano vissuto in modo tanto rispettabile da essersi guadagnati la stima di tutti nei dintorni. L'ultimo proprietario era stato un vecchio scapolo, che aveva raggiunto un'età molto avanzata, e che per molti anni aveva avuto come compagna e direttrice della casa la propria sorella. Ma la morte di lei, avvenuta dieci anni prima della sua, aveva prodotto un gran cambiamento nella sua esistenza; perché, per sopperire alla perdita, aveva invitato e accolto in casa la famiglia del nipote, Henry Dashwood, che era l'erede legittimo della proprietà di Norland e la persona a cui lui intendeva lasciarla alla propria morte.

Prossimamente in libreria! Aprile #4

Arriva il 24 aprile il decimo volume della Casa della Notte! Chi lo stava aspettando?

Titolo originale: Hidden
Serie: House of Night, n°10

Editore: Nord
Collana: Narrativa
Traduzione: Elisa Villa
Data di pubblicazione: 24 aprile 2013
N° pagine: 394
Trama: La Casa della Notte è salva! Dopo mesi durissimi, finalmente io e miei amici siamo riusciti a scacciare Neferet dalla nostra scuola. Tuttavia la città è ancora in grave pericolo. Accecata dalla rabbia, Neferet è determinata a scatenare il caos tra umani e vampiri: prima ha spinto gli abitanti di Tulsa a incendiare le stalle di Lenobia, la nostra insegnante di equitazione, e ora ha convinto i novizi rossi a seminare il panico tra la popolazione inerme. Per fortuna, il Consiglio Supremo dei vampiri ha capito quanto lei sia malvagia e ha promesso di aiutarci. Ma nemmeno i loro valorosi Guerrieri possono competere con Aurox, il nuovo servo di Neferet, una creatura tanto bella quanto letale, nata dal Male personificato. E anch'io, Zoey Redbird, prima Somma Sacerdotessa novizia della storia, ho ben poche speranze di sopravvivere a uno scontro con lui. Ecco perché non ho scelta. Devo tornare nell'Aldilà e convincere Nyx ad aiutarci. Anche a costo di restare intrappolata laggiù per sempre...

Per riprendere in mano questa serie penso proprio aspetterò l'uscita del dodicesimo e ultimo volume... ma non si sa mai! Conoscendomi alla fine lo leggerò proprio il giorno in cui uscirà.
E voi le prenderete?

Intanto potete mettere alla prova le vostre conoscenze con questo quiz! (Io devo decisamente rinfrescami la memoria!)

Www... Wednesdays!



What are you currently reading?
Ho iniziato La città di sabbia di Laini Taylor, inviatomi della casa editrice che ringrazio infinitamente, e intanto leggiucco Black Friars che non fa mai male.

What did you recently finish reading?
Sarà per sempre di Judith McNaught. Ho avuto una voglia improvvisa di storie romantiche e storiche e questo romanzo mi è proprio piaciuto... Magari potrei leggere il seguito uno di questi giorni!

What do you think you’ll read next?
Penso proprio che mi dedicherò a Easy di Tammara Webber. Nutro qualche dubbio al riguardo perché ho letto recensioni sia positive che negativissime. Beh, vedrò alla prossima lettura.

Teaser Tuesday



     Noam annuì, accettando le sue parole. Con un tono superficiale, come se stesse ripetendo delle sciocchezze a cui lui stesso non credeva, disse: «Altri dicono che siano gli spettri». Ma i suoi occhi tradivano una paura concreta e Akiva non poteva biasimarlo. Le ultime parole di Sulphurus avevano agghiacciato anche lui.
Ricordava come la voce di Joram fosse riecheggiata nel silenzio dell'agorà di Loramendi dopo che l'intera resistenza era stata annientata. Il Signore della Guerra e Sulphurus erano in ginocchio, tenuti in vita per assistere alla morte di tutti gli altri.
Tutti gli altri.
Laini Taylor,
La città di sabbia

Memorable Monday


«Domani verrò scacciato dal Paradiso, Beatrice. La nostra unica speranza è che tu riesca a ritrovarmi. Cercami all’Inferno.»
Sylvain Reynard,
Gabriel's Inferno. Tentazione e castigo

Prossimamente in libreria! Aprile #3

Il 25 aprile arriverà il secondo capitolo della trilogia Daughter of Smoke & Bone iniziata con La Chimera di Praga. Il primo libro l'ho amato e già dopo poche righe anche La città di sabbia sembra pronta a conquistarmi!

Titolo originale: Days of Blood & Starlight
Serie: Daughter of Smoke & Bone, #2

Editore: Fazi
Collana: Lain, n°118
Data di pubblicazione: 25 Aprile 2013
N° pagine: 480
Trama: Oltre i confini della Terra, in un luogo effimero e invisibile, due giovani creature, un guerriero serafino e una chimera si sono incontrati e tra di loro è nato un amore impossibile. Le loro due razze infatti, nemiche da secoli, sono in guerra, e tentano di distruggersi a vicenda in una spirale di vendette e sacrifici. I due ragazzi però hanno un sogno, portare la pace e la serenità tra i loro due popoli e vivere il loro amore senza l’ombra del pericolo e della segretezza. Ma il destino non sarà misericordioso per questi due amanti sfortunati, che verranno scoperti e condannati a morte. Akiva riuscirà a fuggire e mettersi in salvo, mentre Karou verrà giustiziata, ma grazie al suo padre adottivo, un resuscitatore, la sua anima verrà trasmigrata in un corpo umano. Ma Karou non potrà per sempre nascondersi dalla sua vera identità e quando scoprirà tutto sul suo passato sarà anche il momento di ritrovare Akiva e continuare ciò che avevano iniziato insieme. Riusciranno a costruire un dialogo di pace tra i due nemici e scongiurare un conflitto che potrebbe distruggere le loro vite e il loro mondo?
La chimera di Praga
La città di sabbia
Untitled

Faccio un piccolo appunto sulla copertina... A me piace davvero tantissimo, malgrado si discosti sia da quella del primo libro sia da quelle originali. È... magnetica. Non conoscessi il libro sicuramente in libreria lo prenderei per leggere la trama!

A vuoi piace? E chi lo comprerà?

Bookmarks&Quote, #12

Oggi esce Walking Disaster, la versione di Travis di Uno splendido disastro e io ci ho già messo la mani sopra! Spero che questi nuovi segnalibri vi piacciono.



Qualcuno conosce l'altra serie? L'ha letto o sentito qualcosa? E quale preferite in generale?
Come sempre lasciatemi un commento se vi piacciono i segnalibri o per qualsiasi altra cosa!

Tentazione e Castigo di Sylvain Reynard

Vi avevo già annunciato l'uscita di questo nuovo romanzo e grazie alla casa editrice (che non smetterò mai di ringraziare abbastanza) ho potuto leggerlo durante queste vacanze pasquali e me ne sono decisamente innamorata!

Titolo originale: Gabriel's Inferno
Serie: Gabriel's Inferno, #1

Editore: Nord
Collana: Narrativa
Traduttore: Elena Cantoni
Data di pubblicazione: 4 Aprile 2013
Trama: È uno stimato professore universitario, un’autorità negli studi danteschi. Eppure, dietro quella maschera di affascinante uomo di successo, Gabriel Emerson nasconde un animo inquieto: i demoni del passato non gli danno tregua, sebbene cerchi di placarli cedendo a ogni tentazione, alla lussuria più sfrenata, ai giochi di potere, alle pratiche sessuali estreme. Poi, d’un tratto, nella sua vita arriva Julia, una giovane e ingenua studentessa. A Gabriel basta uno sguardo per rendersi conto che quella donna potrebbe davvero salvarlo, guarendo le sue ferite. Ma Gabriel ha paura. Proprio come Dante, Gabriel è circondato da una selva di rimpianti e di peccati inconfessabili. Sarà capace di abbandonare la strada dell’eccesso e di dedicarsi totalmente a un’unica donna, oppure il suo lato oscuro prenderà il sopravvento, impedendogli di amare persino la sua Beatrice?

Possibili spoiler! 
Leggete a vostro rischio e pericolo!

Non lo credevo possibile ma scrivere la recensione di questo libro si sta rivelando più difficile di quanto immaginassi: ci sono talmente tante cose da dire, tanti aspetti e argomenti da affrontare che in realtà non so proprio come iniziare a parlarverne.
Ho già iniziato, cancellato e riscritto tutto una decina di volte. 
Quindi se quello che segue sarà un po' caotico abbiate pietà di me... sono ancora sotto l'influsso del Professor Gabriel O. Emerson!

Iniziamo proprio con lui, il protagonista.
Gabriel, insegnate dell'Università di Toronto e specialista in Dante, conduce una vita dissoluta grazie alla ricchezza e fascino che possiede, fatta di eccessi e dedita alla soddisfazione dei propri piaceri.
Quando Julia Mitchell non risponde a una sua domanda durante il seminario lo vediamo arrabbiato, ma ben presto capiamo che non è davvero così: la sua rabbia e il suo stile di vita non sono altro che un riflesso della sua convinzione di essere ormai dannato per i peccati commessi in gioventù e di essere al di la di qualsiasi redenzione.
Julia invece è l'esatto contrario: timida e dolce, e farà capire a Gabriel che ha già pagato per quei peccati.

Non voglio entrare nel dettaglio della storia, per non rovinare la lettura di chi sceglierà di comprarlo, ma voglio spiegare che questo romanzo è una storia di amore, speranza e perdono, per se stessi e per gli altri, non il semplice romanzo d'amore tra una studentessa e il suo professore la cui passione nasce tra le aule.
No, Gabriel e Julia hanno un passato comune, fatto di una sola notte insieme, che entrambi arriveranno a considerare solo un sogno, seppur Julia per soli pochi istanti quando il professore non la riconoscerà, e il loro futuro è ostacolato dalla politica dell'università e dai segreti che entrambi custodiscono.

L'autore ha creato una storia romantica, toccante e sensuale, che cresce lentamente, ricca di baci lenti e appassionati, gesti che fanno battere il cuore e che trascina il lettore nelle vite di Gabriel e Julia, facendo desiderare un'amore, e un paradiso, come il loro
La loro avventura non è ancora finita - malgrado il lieto fine di questo romanzo - e ancora molte domande rimangono senza risposta, quindi non vedo l'ora di leggere Seduzione e tormento, e ancor più Gabriel's Redempion.

Oltre al romanticismo questa storia è ricca di paralleli con gli scritti di Dante, esplorando l'amicizia, la lussuria, l'amore il perdono e la redenzione, ma vi sono anche altri riferimenti letterari che spaziano dalla Bibbia a Tolkien, o artistici e musicali che arricchiscono la lettura, stuzzicando curiosità.
❝ Gabriel's Inferno è una storia che rimane nel cuore e, come un primo amore, sarà difficile dimenticarla. ❞
p.s. un unico appunto per l'esimio professor Emerson... perché metti il papillon?!?!

Consigliato? A tutte le inguaribili romantiche, a chi ama Dante e il rinascimento, ma sopratutto a chi a un debole per i professori alti, mori, e affascinanti ovviamente!

Gabriel's Inferno
Tentazione e castigo
Gabriel's Rapture
Gabriel's Redemption

Se non lo avete ancora fatto passate sulla pagina dedicata al romanzo e gustatevi le prime pagine di Gabriel's Inferno!
Buona lettura!
Powered by Blogger.

© Liber Arcanus ,
AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena
Modificato da AmanteDiLibri